rifiuti tessili Zalando
foto Pixabay

Un passo in avanti nella tutela dell’ambiente e un contributo concreto al percorso di transizione ecologica del sistema Paese. All’interno del consorzio milanese Ecolight sono nati Ecoremat ed Ecotessili: due realtà nazionali, promosse da Federdistribuzione e dalle sue imprese associate, che si occupano, rispettivamente, di raccolta e recupero dei rifiuti tessili e materassi.

Il sistema Ecolight

Il sistema Ecolight è costituito dal consorzio Ecolight (consorzio per la gestione dei Raee e pile), da Ecopolietilene (consorzio per la gestione dei rifiuti dei beni in polietilene) e dalla società operativa Ecolight servizi.

Con la nuova struttura amplia il proprio ambito di azione a favore dell’ambiente e accresce l’impegno verso lo sviluppo della responsabilità estesa del produttore, la Epr, Extended producer responsibility.

I rifiuti tessili e materassi

Le previsioni normative attuali prevedono a breve l’obbligatorietà della raccolta differenziata dei rifiuti tessili. In Italia dal 1° gennaio 2022 la loro gestione ricadrà all’interno del quadro Epr, coinvolgendo quindi produttori, importatori e distributori nella filiera del riciclo e recupero.

Leggi anche Imminente raccolta differenziata dei tessili: la parola ai protagonisti della filiera

Un’indagine della Commissione europea rileva che ogni cittadino ne produce circa 11 kg ogni anno. Oltre 9 kg (l’87%) vengono smaltiti nelle discariche o nei termovalorizzatori, altra poarte è esportata in paesi extra UE.

L’obiettivo europeo è quello di ridurre al 10% la quantità di questi rifiuti che finisce in discarica. Materassi e imbottiti sono un capitolo a parte, ma non meno rilevante sotto il profilo ecologico. La maggior parte di questi rifiuti finisce in discarica quando di un materasso si può recuperare fino al 90% del peso.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Domenico M Calcioli
Pubblicista dal 2007, scrive per il Gruppo Italia Energia.