Malagrotta: il ciclo mancato della sostenibilità

2194

MalagrottaPorte aperte a Malagrotta. Quattro domeniche per visitare il complesso, dalla discarica alla Città delle Industrie Ambientali, a bordo di un minibus a biometano, prodotto con i rifiuti dell’area. I cittadini interessati nel mese di settembre possono osservare, e conoscere, l’impianto di preselezione rifiuti e generazione CDR (il combustibile solido secondario), la centrale di produzione di energia elettrica ed elettrica da biogas, la stazione di rifornimento di biometano. Maestro d’eccezione: il Coordinatore di Malagrotta, l’ing. Alessandro Forte, che spiega le potenzialità del centro adibito allo smaltimento delle tonnellate di rifiuti giornalieri prodotte dai romani.

Il polo rappresenta un esempio in tutto il mondo in termini di innovazione tecnologica, ma al contempo è l’emblema di un’opportunità mancata: la centrale di gassificazione del CDR, che per anni ha lavorato dimostrando la sicurezza dell’impianto, è oggi chiusa. Inutilizzata. E ciò determina un’ingente perdita economica per il territorio.

Di seguito il videoservizio realizzato a Malagrotta vi condurrà all’interno del complesso.

http://www.youtube.com/watch?v=nKcmYg21lqI

Leggi anche Rifiuti, tra tecnologia e cronaca su e7

Foto in anteprima a cura di Agnese Cecchini.

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Giornalista professionista e videomaker, attenta al posizionamento seo oriented degli articoli e all'evoluzione dei social network. Si occupa di idrogeno, economia circolare, cyber security, mobilità alternativa, efficienza energetica, internet of things e gestione sostenibile delle foreste