storage energetico cresceL’ultimo rapporto della società di ricerca IdTechEx “Potential stationary energy storage device to monitor” riflette sulle potenzialità per la stabilità della rete elettrica derivanti dall’integrazione di più fonti di produzione rinnovabili e di più dispositivi di accumulo di energia.

Le potenzialità dello storage

Due temi che vanno di pari passo, di cui si discute quando si parla di rendere la rete capace di rispondere alla domanda del consumatore. L’analisi ha tenuto conto delle diverse prestazioni dei dispositivi emergenti di energy storage, una gamma di dispositivi che ha un range di potenza tra MW e GW:

  • l’accumulo gravitazionale (Ges), suddiviso in:
    Piston-Based ges (PB-Ges);
    Underground Phes (U-Phes);
    Underwater Ges (UW-Ges);
    Advanced rail energy storage (Ares);
  • l’accumulo di energia ad aria compressa (Caes);
  • l’accumulo di energia ad aria liquida (Laes).

Stabilità della rete e integrazione rinnovabili

Tra i dispositivi di storage oggi esistenti, dalle batterie agli ioni di litio all’accumulo abbinato all’idroelettrico (Phes), c’è una gamma di tecnologie difatti pronta a entrare nel mercato.

Lo storage abbinato all’idroelettrico, ad esempio, è un sistema al momento molto quotato per offrire supporto alla rete. In genere, ha una elevata capacità di immagazzinamento e assicura una più lunga durata.

storage e rinnovabili
Una infografica dello studio di IdTechEx “Potential stationary energy storage device to monitor

La ricerca si concentra sulle altre tipologie di dispositivo, quelle per le quali c’è bisogno di migliorarne la qualità per garantire resilienza alla rete elettrica, fornendo tutti i servizi utili al consumatore, e prestazioni più elevate. Tecnologie anche complesse, e di maggiore valenza, che permettono di offrire più servizi in contemporanea.

Per renderli più attrattivi, questi sistemi di accumulo richiedono grossi investimenti. Ma consentiranno, assicura IdTechEx, di stabilizzare la rete e raggiungere un elevato livello di integrazione tra le fonti rinnovabili.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.