Il fotovoltaico va in barca a vela in solitaria con Charal

Alla Vendée Globe lo yatch a vela monoscafo di 60 piedi Charal monta diciotto pannelli fotovoltaici

260

CharalAlla Vendée Globe, il giro del mondo in barca a vela in solitaria senza assistenza o soste per oltre 24.000 miglia partecipano anche le rinnovabili. Difatti non è una novità vedere su queste barche come su modelli più piccoli di uso comune la predisposizione di pannelli fotovoltaici che possono essere integrati con lo scafo o posti sulle coperture.

Per garantire la velocità di simili competizioni la scelta è integrare i pannelli nelle strutture. È il caso di Charal, yatch a vela monoscafo di 60 piedi, tredicesima classificata della Vendée Globe 2021, che monta diciotto pannelli flessibili e calpestabili di Fly Solartech.

I pannelli seguono la forma della barca, con diverse grandezze, tutti coperti da uno strato di Gel Coat antiscivolamento.

L’energia del sole di Charal

L’impianto di pannelli fotovoltaici ha una potenza complessiva di 1.410 Watt, è stato dimensionato sulla base dei consumi dei dispositivi di bordo, fra i quali Gps, strumenti meteo, autopilota, telecamere, luci di navigazione, dispositivo anticollisione, schermi, anemometro, girobussola, radar, antenne e computer. I pannelli sono suddivisi in tre sezioni, ciascuna delle quali comunica i dati di produzione al computer di bordo tramite Bluetooth. Un sistema di controllo che isola eventuali avarie riguardanti solo parte dell’impianto

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.