Il Portogallo guarda alla transizione ecologica partendo dalla povertà energetica

L'intervento del vice ministro portoghese e segretario di Stato per l’energia Joao Galamba al Making decarbonisation fair

1158

La povertà energetica è un fenomeno molto diffuso in Portogallo. Per questo il Governo ha preso in mano la situazione e ha realizzato la prima strategia nazionale per sconfiggerla.

joao Galamba“Combattere la povertà energetica è un elemento centrale della politica di decarbonizzazione che intendiamo perseguire” spiega al Joao Galamba, vice ministro portoghese e segretario di Stato per l’Energia, nel corso della sessione plenaria del Making decarbonisation fair (1-4 Marzo 2021).

La dead line è il 2050. La sfida è che di pari passo con la transizione energetica ci sia anche una eliminazione della povertà energetica.

energy poverty eratication

“La povertà energetica è un problema che tocca soprattutto le abitazioni residenziali. Per affrontarlo abbiamo bisogno di strumenti che proteggano le persone vulnerabili e anche azioni che implementano l’efficienza degli edifici. Abbiamo stabilito degli standard per le nuove costruzioni ma la sfida maggiore è agire sugli edifici preesistenti. La strategia è stata presentata qualche mese fa ed è stata approvata”

Al momento i cittadini in povertà energetica possono accedere a una tariffa energetica “sociale”, “Sono circa ottocentomila i cittadini che ne usufruiscono” rimarca il vice ministro. L’azione del Governo sarà nell’abbattere il più possibile i consumi dei vulnerabili, sostenendo una migliore efficienza sia degli edifici sia degli elettrodomestici in uso. “E’ nostra intensione supportare i consumatori vulnerabili nel sostituire il più possibile il gas come fonte energetica con l’elettricità” continua il vice ministro Galamba. “Intendiamo anche impiegare le comunità energetiche e l’autoconsumo come strumenti per combattere il fenomeno. Riteniamo che possano svolgere un ruolo centrale nel responsabilizzare i cittadini sui loro consumi energetici”.

Una sfida che non si può vincere senza una corretta informazione e preparazione dei cittadini, come rimarca lo stesso Joao Galamba,

Un supporto che guarda non solo ai poveri energetici ma anche alle famiglie e agli edifici di tutta la nazione. “Abbiamo previsto seicento milioni per supportare il rinnovamento degli edifici di cui circa 300 milioni per le abitazioni residenziali, 200 per la PA e il restante per edifici di servizio. Fondi che saranno messi a disposizione dallo Stato da risorse europee e anche da enti di credito”.

Oltre queste misure il Governo portoghese sta prevedendo anche un supporto straordinario per supportare chi è stato vittima di eventi climatici estremi e una riduzione della tassazione dell’energia differenziato tra per piccole e grandi nuclei familiari.

La povertà energetica in Portogallo è data anche da un fattore culturale

Una sfida importante questa del Governo portoghese che deve tenere a mente anche un altro elemento: la povertà energetica è data anche da un fattore culturale. Ne è convinta Ana Horta, istituto di Scienze sociale dell’università di Lisbona.

anaa horta povertà energetica in portogallo

Anche da recenti studi, il progetto “Ligar” e “Net zero energy school” spiega Ana Horta. “E’ emerso come le persone anche di classe medio alta guardino con diffidenza agli strumenti per scaldare o raffrescare gli ambienti, usandoli solo in caso di estrema necessità”.

Alcuni sostengono di preferire il calore del sole e di usare il riscaldamento solo nelle camere da letto, quando la giornata è stata molto fredda e umida.

Tutti segnali che indicano come ci sia una visione di ciò che sia uno stile di vita salutare che discorda dalle possibilità date dalle nuove tecnologie

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.