energiaIl ruolo del consumatore e la sua potenzialità in una nuova dinamica delle reti sono tra gli argomenti al centro della European Utility Week, fiera congresso annuale dedicata al mondo delle utility in corso ad Amsterdam in questi giorni (3-5 ottobre) di cui Canale Energia è media partner.
Mentre da un lato aumentano le opportunità date dalla tecnologia, pensiamo ai prosumer, gli utenti finali in grado di produrre in parte o totalmente l’energia di cui hanno bisogno, l’aumento dell’impiego di energia nelle attività domestiche e il controllo puntuale della rete evidenziano sempre di più i casi di povertà energetica. Sono proprio gli individui con poca capacità economica, difatti, gli stessi che, per scarsa conoscenza, fanno un uso poco efficiente delle risorse energetiche. L’Unione europea è già impegnata ad individuare strategie di diffusione di una cultura dell’efficienza dei consumi.

Come cambia il rapporto con l’utente in una rete sempre più democratica

L’utente è sempre più attivo nel suo rapporto con l’energia e le reti, grazie ai molti device a disposizione a partire dal proprio smartphone fino a semplici strumenti che permettono, con il solo inserimento nelle prese di corrente o con la sostituzione di lampadine apposite, di connettersi alla rete wifi per controllare a distanza la propria abitazione. È così possibile ottenere i dati sui propri consumi in tempo reale e, i alcuni casi, sopperirvi con l’auto produzione. Questa interazione con la rete, però, pone degli interrogativi su confini e potenzialità di un dialogo che sia “alla pari” tra utility e consumatore.

Energia democratica, cosa vuol dire e cosa implica

Come si può realizzare il rapporto tra utility e utente finale e, sopratutto, come renderlo un processo democratico? Su questo ci si è interrogati nel primo giorno dell’incontro europeo tra le utility di settore.

Canale Energia ha intervistato ad Amsterdam Roberta Bigliani, Direttore ricerche di IDC Insight, moderatore della sessione dedicata alla democratizzazione dell’energia.

L’energia sta diventando “democratica”? Se sì come? Questo rappresenta un vantaggio per il consumatore?

Si sta parlando sempre di più di blockchain come un elemento centrale nella gestione delle dinamiche di acquisto di servizi innovativi e micro pagamenti, è davvero questa la soluzione che tutti cercavano?

“Come cambia la visione del #consumatore grazie alla #Blockchain”. Un momento dell’European Utility Week (Amsterdam, 3-5 ottobre) nella diretta facebook di Canale Energia

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
CONDIVIDI
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.