Produrre acciaio con idrogeno verde: l’accordo Snam, Tenaris, Edison

Il progetto pensato per l'acciaieria di Dalmine ha lo scopo di applicare per la prima volta l’idrogeno su scala industriale nel nostro Paese per decarbonizzare il settore siderurgico. E' parte dell’iniziativa “Dalmine zero emissions”

115

idrogeno accumulo di idrogenoEdison, Snam e Tenaris hanno firmato una lettera di intenti con l’intenzione di decarbonizzare l’infrastruttura siderurgica di Dalmine, in provincia di Bergamo, prevede l’utilizzo di idrogeno verde in alcune fasi del processo produttivo. L’intesa è proiettata a realizzare le soluzioni migliori per la produzione, la distribuzione e l’utilizzo di idrogeno verde nel sito sfruttando le competenze dei tre attori interessati. Il progetto è finalizzato alla generazione di idrogeno e ossigeno tramite un elettrolizzatore da circa 20 MW, da installare presso lo stabilimento di Dalmine e al conseguente adattamento del processo produttivo dell’acciaio mediante l’utilizzo di idrogeno verde in sostituzione del gas naturale.

Possibile realizzazione di un sito di stoccaggio per l’accumulo di idrogeno

L’iniziativa potrà successivamente includere la realizzazione di un sito di stoccaggio destinato all’accumulo di idrogeno ad alta pressione e l’utilizzo dell’ossigeno, prodotto localmente tramite elettrolisi, all’interno del processo di fusione. Lo sviluppo del progetto ridurrebbe in modo significativo le emissioni di CO2 legate alla produzione dell’acciaio.

Il presidente Tenaris Europa e ad di Tenaris Dalmine, Michele Della Briotta, spiega le caratteristiche del progetto: “Il progetto Dalmine zero emissions rappresenta la più recente delle iniziative realizzate da Tenaris in Italia per il miglioramento della propria impronta ambientale, dopo gli investimenti e i progetti per la tutela dell’aria, l’efficienza energetica, la riduzione dei consumi di materie prime, l’aumento del contenuto di materiale riciclato nei nostri prodotti, la valorizzazione e il riuso dei nostri sottoprodotti. Con il progetto Dalmine zero emissions’, insieme a partner qualificati, diamo inizio al percorso di transizione energetica dello stabilimento di Dalmine, ponendoci all’avanguardia della sostenibilità del settore siderurgico”.

Nicola Monti, ad di Edison, aggiunge: “Con questa intesa Edison avvia un percorso di sostegno alla decarbonizzazione di settori industriali chiave per l’economia nazionale, contribuendo così al raggiungimento degli obiettivi della transizione energetica fissati a livello nazionale con il Pniec e a livello europeo con il Green deal”.

Chiude Marco Alverà, ad di Snam, ricordando che: “L’idrogeno verde può rappresentare la soluzione ideale per decarbonizzare alcuni importanti settori industriali, in particolare per produrre nel lungo periodo acciaio a zero emissioni L’accordo di oggi, che vede protagoniste tre aziende attive lungo l’intera catena del valore, è un primo passo per poter raggiungere questo importante obiettivo”.

Leggi anche: “Con l’idrogeno rinnovabile l’Unione europea punta a diventare una superpotenza mondiale”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.