Si conclude oggi l’edizione 2019 della Settimana Europea dell’Energia Sostenibile (EU Sustainable Energy Week – 17-21 giugno), che quest’anno ha avuto come tema chiave la promozione di un futuro energetico sostenibile per l’Europa, riassunto dallo slogan  “Plasmare il futuro energetico dell’Europa”. Nell’ambito dell’iniziativa autorità pubbliche, imprese private, ONG e consumatori si sono confrontati per promuovere azioni per il risparmio energetico e per una transizione più rapida verso energie rinnovabili. Un percorso green che vede l’Europa impegnata anche nel favorire ulteriormente gli investimenti in energie rinnovabili, necessari per raggiungere l’impatto climatico zero dell’Unione europea entro il 2050, come proposto dalla Commissione lo scorso novembre.

Le sfide della politica energetica europea

Tra i momenti principali che hanno scandito il calendario della manifestazione, c’è stata la conferenza di tre giorni dedicata alle sfide della politica energetica europea (18-20 giugno), aperta dal Commissario europeo per l’Azione per il clima e l’energia, Miguel Arias Cañete.

Premi e vincitori

Durante l’evento sono stati inoltre assegnati i premi 2019 in quattro categorie: impegno, leadership, innovazione e giovani. Quest’anno la cerimonia di premiazione ha introdotto una categoria speciale per i paesi del paternariato orientale e il premio dei cittadini è stato deciso con un voto pubblico a cui hanno partecipato oltre 15 000 cittadini dell’UE.

I vincitori sono stati:

  • ENGAGEMENT CATEGORY: “BARDZOUR – An innovative response to island challenges”.  Le Port, La Réunion, France
  • INNOVATION CATEGORY: “E=0 & TRANSITION ZERO: CREATE A MASS MARKET FOR NET ZERO ENERGY BUILDINGS RETROFITTINg”, An affordable and convenient home upgrade Paris, France
  • LEADERSHIP CATEGORY:  “AVIÀ FOR A GOOD CLIMATE A village living the sustainable dream” Avià, Spain
  • YOUTH CATEGORY: “CLIMACT Schools paving the way to low-carbon economy”
    Lisbon, Portugal
  • CITIZENS’ AWARD: “AVIÀ FOR A GOOD CLIMATE A village living the sustainable dream” Avià, Spain

Gestione dei dati, pilastro della transizione energetica

Tra i tanti eventi organizzati in occasione della settimana europea dell’energia sostenibile c’è stato anche il convegno  Digitalisation in energy: challenges and opportunity for consumers and security of the system”, presieduto da Dominique Ristori (Direttore Generale DG Energy), che ha visto tra i relatori anche Andrea Péruzy, Presidente e AD di Acquirente Unico.

Peruzy ha sottolineato, come si legge in una nota, il cambio di paradigma in atto nel comparto energetico e il ruolo rilevante della digitalizzazione: “Stiamo andando verso un nuovo sistema energetico, basato su una trasformazione digitale: nuovi servizi e nuove opportunità per le persone e per la crescita economica. Acquirente Unico, in questo scenario, contribuisce all’attuazione delle direttive europee, a volte anche anticipandole, come nel caso dei servizi offerti al sistema e ai consumatori dal Sistema Informativo Integrato. Le tecnologie digitali stanno rendendo i sistemi energetici più connessi, intelligenti, efficienti, affidabili e sostenibili. I progressi in termini di dati, analisi e connettività consentiranno una gamma di nuove applicazioni digitali, a disposizione di un consumatore sempre più proattivo”

In quest’ottica, ha aggiunto il numero uno di Acquirente Unico, un accesso ai dati “trasparente, sicuro e regolamentato” è un elemento centrale. “In  termini di  gestione dei flussi di dati il Sistema informativo integrato, gestito da AU, è un modello italiano che suscita interesse in Europa: oltre a ridurre i costi, riduce le barriere all’ingresso per i nuovi operatori, creando condizioni di parità nei complessi mercati dell’energia. È proprio grazie al SII che oggi è disponibile il Portale Offerte e, da luglio, il Portale Consumi sempre gestiti da AU. Sono strumenti che stimolano la competitività:  acquisendo sempre maggiore consapevolezza, e avendo a disposizione informazioni dettagliate sui propri consumi e situazioni contrattuali, i consumatori possono davvero valutare l’offerta migliore per le proprie esigenze ”.

Povertà energetica, il progetto Assist 

Altro tema centrale per il comparto energetico, affrontato nel corso di questa settimana dedicata alle energie sostenibili, è stato quello della povertà energetica. In particolare il progetto ASSIST, incentrato su questo tema, ha partecipato all’evento a Bruxelles con uno stand all’Energy Fair mercoledì 19 giugno presso il Charlemagne Building di Rue de Loi della Commissione Europea. Inoltre lo stesso giorno il progetto, che in Italia ha come partner Rse, Aisfor e Acquirente Unico, è stato tra i temi al centro della sessione di dibattito Multilevel and participatory action to tackle energy poverty” alla  Policy Conference per la EUSEW. Un confronto a cui ha partecipato Marina Varvesi di AISFOR, coordinatore di ASSIST. 

Il progetto ASSIST  è inoltre stato tra i temi al centro del workshop  “Defending the right to energy! Actions and actors” organizzato nell’ambito del ”Right to Energy Forum (19-20 giugno)” dalla  Right to Energy Coallition. L’obiettivo dell’evento era quello di dare  un’opportunità di incontro e confronto alle persone che lavorano sulla povertà energetica, la democrazia energetica, l’energia della comunità e una transizione energetica socialmente equa”.

Una panoramica a 360 gradi sui temi dell’energia

Nell’ambito dell’evento tante sono state le iniziative che hanno declinato la promozione dei un’energia sostenibile in grado di sfruttare appieno tutte le sfide poste all’innovazione per favorire efficienza e tutela del pianeta.

Solo per fare un esempio, le potenzialità dello storage sono state al centro del convegno “HOW MUCH DO YOU KNOW ABOUT ENERGY STORAGE?”, Organizzato a Bruxelles dal 18 al 20 giugno dalla  European Association for Storage of Energy (EASE).

Di efficienza si è parlato invece, sempre a Bruxelles, il 19 giugno in occasione dell’evento Energy efficiency: a success story”, organizzato da The European alliance to save energy (EU-ASE).

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.