IEA, la domanda di carbone arriverà a 9 miliardi entro il 2019

409

Domandecarbone“Abbiamo sentito molte promesse politiche volte a mitigare i cambiamenti climatici, ma nel corso dei prossimi cinque anni, non riusciremo ad arrestare la crescita della domanda di carbone. Anche se il contributo del carbone per la sicurezza energetica e l’accesso all’energia è innegabile, devo sottolineare ancora una volta che il suo uso nella modalità attuale è semplicemente insostenibile. Per questo, per cambiare abbiamo bisogno di accelerare radicalmente la distribuzione di cattura e sequestro del carbonio. Nuovi impianti sono in costruzione, dal Sud Africa al sud est asiatico, ma molti sfruttano una tecnologia vecchia di decenni. Purtroppo bruceranno carbone in maniera inefficiente per molti anni a venire”.  

Queste le parole pronunciate dal Direttore esecutivo dell’International Energy Agency, Maria van der Hoeven durante la presentazione del Medium-Term Coal Market Report.

Nel rapporto, stilato dall’Agenzia, viene affermato che la domanda di carbone per i prossimi anni è destinata ad aumentare fino a rompere il muro dei 9 miliardi di tonnellate entro il 2019. Per essere più precisi, “La domanda di carbone crescerà ad un tasso medio del 2,1% all’anno fino al 2019. Questo a fronte di previsioni del rapporto 2013 del 2,3% per i cinque anni fino al 2018 e il tasso di crescita reale del 3,3% all’anno tra il 2010 e il 2013”. Inoltre, il rapporto rivela che, “nonostante gli sforzi della Cina per moderare il consumo di carbone, il conto sarà ancora di tre quinti della crescita della domanda nel periodo delle prospettive. La Cina sarà affiancata da India, paesi ASEAN e altri paesi asiatici come i principali motori della crescita nel consumo di carbone, cali compensazione in Europa e negli Stati Uniti”.

“Le previsioni del rapporto contengono notevoli incertezze, soprattutto per quanto riguarda la prospettiva di nuove politiche che interessano il carbone. Le autorità in Cina così come in mercati chiave di l’Indonesia, Corea, Germania e India, hanno annunciato cambiamenti politici che potrebbero notevolmente influenzare i fondamentali del mercato del carbone. L’incertezza della possibilità che cambiamenti promessi diventino realtà, aggrava l’incertezza dell’economia attuale.

Inoltre, “la questione dei prezzi bassi rimane un tema caldo tra i partecipanti al mercato del carbone. La relazione dell’anno scorso ha sottolineato che molti produttori di carbone incorrevano in  perdite, in gran parte determinate dai contratti infrastrutturali take-or-pay o passività finanziarie. I prezzi del carbone sono diminuiti ancora di più rispetto all’anno scorso, ma diversi fattori hanno contribuito ulteriormente  portando alla sofferenza economica dei produttori che resistono.

“La nostra analisi – ha dichiarato Keisuke Sadamori, Direttore Mercati Energetici e sicurezza – mostra che il piano prezzo fornito da costi di produzione è diminuito in modo significativo, non solo perché i produttori e i costi ridotti  ottenuti su  economie di scala hanno una migliore gestione e disciplina di bilancio, ma anche a causa di fattori esterni”. Il Deprezzamento delle valute locali nei principali paesi esportatori è stato significativo e, i bassi prezzi del petrolio contribuiscono, come l’olio rappresenta una quota significativa dei costi del carbone, in particolare nelle operazioni a cielo aperto.”

L’uso del carbone nei paesi membri dell’OCSE – conclude la nota – dovrebbe diminuire nel periodo delle prospettive, come la crescita in Turchia, Corea e Giappone non riesce a compensare il declino in Europa e in America

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.