In Trentino il B&B esempio di sostenibilità

347

Prodotti locali per la ristorazione, termostati wi-fi per la gestione dei riscaldamenti, un impianto fovoltaico e pannelli solari termici. Questi sono alcuni degli “accorgimenti sostenibili” adottati all’interno del B&B a conduzione familiare Maso Sveseri, situato tra la Val di Cembra e l’Altopiano di Piné in Trentino Alto Adige.

Pannelli fotovoltaici e solari termici

La struttura adotta soluzioni innovative per incrementare il risparmio in bolletta e incontrare i bisogni dei turisti, sempre più alla ricerca di una vacanza che consenta di riallacciare il rapporto con la natura e il territorio. Oltre all’impianto fotovoltaico da 8 kW da 30 mila euro, il b&b sfrutta un’illuminazione a LED, ha ridotto il numero di freezer e monta dal ’95 sei pannelli solari termiciche stanno per essere rinnovati” grazie alle agevolazioni fiscali del 65%, puntualizza Luca Mazzucchi, uno dei gestori della struttura. Per produre acqua calda e riscaldare gli ambienti il Maso Sveseri ha montato nel 2014 una caldaia da 30 kW – da 12 mila euro con il contributo del 65% – “alimentata con la legna proveniente dalla foresta di proprietà della famiglia Bazzanella“. Che viene gestita in base ad accordi e permessi del Corpo forestale dello Stato.

Gestione wi-fi del riscaldamento

Per il riscaldamento, in particolare, il b&b adotta una gestione dei singoli caloriferi per ottimizzare il controllo del riscaldamento in funzione delle prenotazioni e per rendere confortevoli gli ambienti all’arrivo degli ospiti. Accantonata l’idea di un impianto di domotica, “era troppo onerosa, richiedeva almeno 2.000-3000 euro“, ci spiega Luca, la scelta è ricaduta su un sistema multi-termostato Rialto gestibile dal proprio smartphoneper il quale abbiamo speso qualche centinaia di euro“. Dopo aver installato un termostato per ogni camera e bagno, 9 in totale, i dispositivi sono stati collegati alla rete wi-fi predisposta per i clienti. In più, sono stati integrati dei ripetitori di segnale per evitare che alcune zone non fossero coperte dalla rete.

I risparmi conseguiti

I clienti apprezzano molto, ad esempio, le velux e il riscaldamento automatizzati. Cercano queste comodità – prosegue Luca – Per noi la gestione della struttura è più semplice: abbiamo tutto sotto controllo e risparmiamo. Ho notato una riduzione nel consumo di legna: se prima facevamo tre carichi nella stagione invernale, ognuno da 30 kg, adesso ne facciamo due“.

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Ivonne Carpinelli
Giornalista con la passione per l'ambiente e l'energia lavoro con Gruppo Italia Energia dal 2014. Mi occupo anche di mobilità dolce e alternativa, nuove costruzioni, economia circolare, arte e moda sostenibile. Esperta nella gestione dei social network e nel montaggio video non esco mai senza penna, taccuino e... smartphone.