Dal tetto nero al tetto verde: il progetto di Piuarch

180

Trasformare il tetto di un immobile in un orto permanente per ridurne i consumi energetici, migliorare l’isolamento termico e controllare le acque piovane. Parliamo del lavoro di riqualificazione realizzato dallo studio di architettura di Brera Piuarch in collaborazione con il paesaggista del giardino Cornelius Gavril.

Attraverso un sistema modulare che utilizza il pallet, la superificie con copertura in lastricato nero che ospita lo studio è stata convertita in un ecosistema completo: l’Orto tra i cortili, così è stato rinominato il progetto, di 300 mq è diventato permanente. I pallet sono stati usati sia per la pavimentazione che come contenitori per il terreno, in modo da adoperare un unico elemento per il layout del tetto verde. La riqualificazione ha previsto anche l’aumento del carico per metro quadro: per rinforzare la struttura preesistente sono state installate delle travi in vetroresina, leggere, facili da monitorare e resistente agli agenti atmosferici, realizzate da PCR srl.

Al contempo, l’intervento ha portato alla realizzazione di una farmacia a cielo aperto con la piantumazione di piante officinali dalle proprietà terapeutiche e farmaceutiche.

Al progetto hanno collaborato Vivai Mandelli, per la progettazione dell’impianto, e Verde Vivo, che opera nel settore di concimi curativi biologici e ha fornito sementi, arbusti, terriccio e prodotti per la cura dell’orto.

Diversi i benefici di questa installazione: riduzione dei costi energetici e migliore gestione dell’acqua piovana, isolamento e inerzia termica, realizzazione di un elemento decorativo e di coworking.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto di Daniele Cavadini

Print Friendly, PDF & Email