Nell’ambito di un innovativo progetto di Alternanza Scuola Lavoro promosso da H3

I ragazzi del Liceo Beccaria di Milano e del Liceo Paolo Frisi di Monza hanno immaginato i Mobility Plans delle loro città

297

Piste ciclabili, parcheggi fuori dalle città, servizi di bike e car sharing e mezzi pubblici: come vedono gli studenti la mobilità di Milano e Monza? E come si immaginano quella di domani?

H3realtà leader nel mercato innotech assicurativo, specializzata nel canale retail automobilistico, ha coinvolto gli studenti delle scuole superiori di Milano (Liceo Classico C. Beccaria) e Monza (Liceo Scientifico P. Frisi), aprendo con loro un tavolo di lavoro grazie all’Alternanza Scuola-Lavoro, introdotta dalla legge 107/2015 (la così detta “Buona Scuola”), che prevede obbligatoriamente per tutti gli studenti del secondo biennio e dell’ultimo anno delle superiori, un percorso di orientamento (400 ore per gli istituti tecnici e 200 ore per i licei) utile ai ragazzi nella scelta che dovranno fare una volta terminato il percorso di studio.

H3, nell’ambito del progetto, dopo aver fatto analizzare agli studenti Mobility Plans delle rispettive città, ha fatto sviluppare un School Mobility Project sostenibile.

I lavori di restituzione dei ragazzi previsti dell’alternanza scuola-lavoro sono stati presentati e discussi insieme all’architetto Stefano Boeri, a Marco Granelli, Assessore a Mobilità e Ambiente del Comune di Milano e Stefano Arena, Assessore alla Sicurezza, alla Mobilità e al Trasporto del Comune di Monza.

Siamo arrivati a portare i ragazzi a produrre mobilità vera sul loro territorio. L’obiettivo, per la nostra realtà, di questo e di altri progetti ai quali stiamo lavorando con i ragazzi, è quello di sviluppare una mentalità che acceleri tutti i processi di innovazione della mobilità”, racconta Giorgio Meszely, founder & Ceo di H3.

 “Mi sembra bellissima l’idea di far diventare le scuole gli epicentri della mobilità ciclabile. Ho imparato moltissimo anche sulle soluzioni tecniche che ho visto con grande attenzione studiate, misurate e adattate a dei contesti diversi come quello del centro storico di Monza o di alcune parti importanti di Milano. Spero, davvero, che questa forza e questa passione che ho visto nei progetti diventi un grande motore per cambiare la mobilità urbana” commenta l’arch. Stefano Boeri che ha affiancato i ragazzi in più fasi del progetto.

La presentazione dei progetti da parte dei ragazzi è avvenuta nella sala polivalente del carcere di San Vittore, alla presenza di:

– Giorgio Meszely, CEO H3 e fondatore di GaiaGo

Marco Granelli, Assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune Milano

Federico Arena, Assessore alla Mobilità, Trasporti e Sicurezza del Comune di Monza

Giacinto Siciliano, Direttore carcere San Vittore

Lucia Castellana, Dirigente Scolastico del Liceo Paolo Frisi di Monza

Michele Monopoli, Dirigente Scolastico Liceo Cesare Beccaria

Elena D’Incerti, Professoressa Liceo Cesare Beccaria, responsabile progetti Alternanza Scuola Lavoro

Federico Cassani, Senior Partner di MIC-Mobility in Chain agenzia internazionale per la progettazione dei piani urbanistici della mobilità e dei trasporti.

Print Friendly, PDF & Email