EDF, rinvio della decisione sui reattori di Hinkley Point

93

Vincent De Rivaz, a capo della filiale inglese dell’azienda francese EDF, ha annunciato mercoledì 23 marzo davanti al Parlamento britannico che il progetto legato alla realizzazione dei reattori nucleari a Hinkley Point nel Sommerset, nel Regno Unito, verrà portato a termine nei tempi previsti e senza sforare nel budget. Inoltre il gruppo, come si legge sul sito lesechos.fr, ha già effettuato un investimento di 2,4 miliardi di sterline e continua a spendere 55 milioni al mese. In totale l’investimento complessivo prevede 18 miliardi di sterline, di cui 12 per EDF e 6 per il partner cinese CGN. La decisione definitiva sul progetto avverrà all’inizio di maggio come ha affermato il Ministro dell’economia francese che ha anche menzionato il sostegno al progetto di François Hollande e David Cameron.  

Tuttavia il progetto sta destando critiche in Inghilterra anche legate al fatto della garanzia di un prezzo d’acquisto per l’elettricità prodotta a Hinkley Point per un periodo di 35 anni con una cifra tre volte superiore a quella di mercato. Numeri che hanno fatto esprimere in termini negativi alcuni deputati inglesi sull’intera operazione. A queste accuse Vincent de Rivaz ha risposto sottolineando che il prezzo pattuito era valido fino al 2060, quando l’energia di carbonio arriverà a essere più costosa rispetto al mercato attuale. Samuel Taylor dell’Università di Cambridge auspicherebbe che il Governo francese non sostenesse il progetto. 

Print Friendly, PDF & Email