A+ A A-

Cosmetici e parabeni: ecco svelata tutta la verità

Da dieci anni a questa parte è iniziata una vera e propria lotta ai parabeni, tanto che su molti prodotti sono comparse etichette dalla dicitura “paraben free” a vantaggio del consumatore. C'è tuttavia molta confusione a riguardo, soprattutto se si tratta di mettere a confronto ricerche scientifiche e test apportati da organi certificati e autorizzati.

Cosa sono i parabeni, dove si trovano e a cosa servono

I parabeni sono elementi chimici conservanti presenti in moltissimi prodotti cosmetici: shampoo, creme per il corpo e per il viso, trucchi, deodoranti, creme solari etc. Hanno proprietà battericide e funghicide che permettono una prolungata conservazione del prodotto senza bisogno di refrigerazione. Per questo in cosmesi sono largamente usati. Una volta aperti, infatti, i cosmetici potrebbero venir contaminati da batteri, funghi o muffe mettendo a rischio la salute del consumatore e favorendo l'insorgenza di irritazioni o infiammazioni.

Controllando attentamente le etichette dei prodotti acquistati potremo notare il largo uso di questi agenti chimici che, una volta applicati, penetrano nella pelle accumulandosi nei tessuti. Le ricerche scientifiche volte a correlare i parabeni all'insorgere di allergie, dermatiti o anche tumori hanno in realtà dimostrato soltanto la loro presenza nei soggetti affetti da determinate patologie, senza tuttavia dimostrarne un rapporto diretto di causa ed effetto. In sostanza: i parabeni si accumulano nel corpo ma nulla dimostra che siano causa di tumori o altre malattie.

Un'ulteriore riprova ci viene direttamente dall'UE che ne autorizza l'uso e nega la loro nocività per la salute. Anche la Food and Drug Administration li ha inseriti fra le sostanze GRAS (Generally Recognized As Safe).

"Un acquisto consapevole e responsabile è possibile solo in seguito ad una corretta informazione"

Vi sono solo 5 tipi di parabeni cancellati dalla lista dei conservanti autorizzati, secondo una regolamentazione del 2011:

  • propilparabene

  • butilparabene

  • isobutilparabene

  • pentilparabene

  • benzilparabene

L’Unione europea infatti classifica i parabeni come potenziali interferenti endocrini e si è ritenuto opportuno escluderli dai prodotti per bambini fino a 3 anni a scopo precauzionale.

Esistono delle valide alternative ai parabeni, alcune anche di origine organica e naturale che sarebbe bene prendere in considerazione in virtù di una maggiore ecosostenibilità. Infatti i parabeni risultano essere prodotti ad alto impatto ambientale, difficilmente smaltibili e in grado di contaminare gli habitat di scarico. Evitare l'uso di queste sostanze è una scelta green ed ecosostenibile ma non sempre altrettanto salutare. Occorre prestare molta attenzione ai prodotti che si sponsorizzano per l'assenza di questi agenti chimici poiché, in realtà, potrebbero contenere altri tipi di conservanti davvero dannosi per la salute e ancor più per l'ambiente. Un acquisto consapevole e responsabile è possibile solo in seguito ad una corretta informazione.

Rubriche

Se l’acqua si attinge andando sull’altalena

THINK TECH - Redazione, 28-06-2017

Se l’acqua si attinge andando sull’altalena

 

credit photo YEW Guida World Design

E’ stata ribattezzata  “ben Seasow’ ed è un’invenzione tanto semplice quanto efficace per attingere l’acqua in modo divertente, che va incontro...

Edifici più efficienti nel Mediterraneo con il progetto Stepping

EFFICIENZA - Redazione, 28-06-2017

Edifici più efficienti nel Mediterraneo con il progetto Stepping

Parte il progetto Stepping per stimolare la diffusione degli EPC-Energy performance contract e l'efficientamento energetico degli edifici pubblici dei paesi europei mediterranei.

I partecipanti di Stepping

Finanziato nell'ambito...

Entro il 2017 +40% di rinnovabile nelle bioplastiche Mater-Bi di Novamont

THINK TECH - Monica Giambersio, 27-06-2017

Entro il 2017 +40% di rinnovabile nelle bioplastiche Mater-Bi di Novamont

Entro il 2017 Novamont, azienda specializzata nel settore delle bioplastiche e dei biochemicals, innalzerà, su base volontaria, il contenuto minimo di rinnovabile di tutta...

Uno studente progetta i LED per Torrita di Siena

EFFICIENZA - Redazione, 27-06-2017

Uno studente progetta i LED per Torrita di Siena

Torrida di Siena, comune nella provincia per l'appunto di Siena, sarà illuminato a LED.

E’ uno studente della Fondazione ITS ‘Energia e Ambiente’ con sede a Colle...

Vacanze ai Caraibi per le microreti

SMART CITY - Redazione, 27-06-2017

Vacanze ai Caraibi per le microreti

WEB Aruba N.V., la maggiore utility di Aruba, isola olandese dei Caraibi, ha stabilito di generare entro il 2020 metà della propria energia annua media da rinnovabili e...

Inquinamento indoor, i rischi delle micotossine

ARCHITETTURA_2.0 - Redazione, 27-06-2017

Inquinamento indoor, i rischi delle micotossine

Immagine da Flickr (autore Stefano Corso)

Le tossine prodotte dalla muffa, le cosiddette micotossine, che si formano sulle pareti delle nostre case...

La città è intelligente se inclusiva, la proposta Enea

SMART CITY - Redazione, 26-06-2017

La città è intelligente se inclusiva, la proposta Enea

La città del futuro non è solo intelligente. Sostenibilità e inclusività sono, secondo Enea, le parole chiave che disegnano una smart city efficace.

Integrare tecnologie dalla casa alla città

Riqualificare i condomini, importante l’aggregazione di competenze diverse

ARCHITETTURA_2.0 - Monica Giambersio, 26-06-2017

Riqualificare i condomini, importante l’aggregazione di competenze diverse

 

Un nuovo approccio operativo caratterizzato da “aggregazione di competenze diverse” e nuove capacità professionali in un contesto di edilizia circolare dove la la fine...

Cessione del credito di imposta per interventi di riqualificazione energetica: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

CONSUMER - Cecilia Bonazza trainee / Giovanni Iaselli lead lawyer DLA Piper, 26-06-2017

Cessione del credito di imposta per interventi di riqualificazione energetica: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Il regime di detrazioni fiscali per gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici è stato recentemente rivisto e potenziato per effetto delle previsioni contenute nel D.L. 4...

Certificazione WELL, così si valuta la salubrità di un edificio

ARCHITETTURA_2.0 - Monica Giambersio, 26-06-2017

Certificazione WELL, così si valuta la salubrità di un edificio

Tra i temi affrontati nel corso dell’edizione 2017 di Rebuild che si è appena conclusa c’è stata anche la crescente attenzione dei consumatori ai...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy