chiusura estiva 2017
A+ A A-

Cosmetici e parabeni: ecco svelata tutta la verità

Da dieci anni a questa parte è iniziata una vera e propria lotta ai parabeni, tanto che su molti prodotti sono comparse etichette dalla dicitura “paraben free” a vantaggio del consumatore. C'è tuttavia molta confusione a riguardo, soprattutto se si tratta di mettere a confronto ricerche scientifiche e test apportati da organi certificati e autorizzati.

Cosa sono i parabeni, dove si trovano e a cosa servono

I parabeni sono elementi chimici conservanti presenti in moltissimi prodotti cosmetici: shampoo, creme per il corpo e per il viso, trucchi, deodoranti, creme solari etc. Hanno proprietà battericide e funghicide che permettono una prolungata conservazione del prodotto senza bisogno di refrigerazione. Per questo in cosmesi sono largamente usati. Una volta aperti, infatti, i cosmetici potrebbero venir contaminati da batteri, funghi o muffe mettendo a rischio la salute del consumatore e favorendo l'insorgenza di irritazioni o infiammazioni.

Controllando attentamente le etichette dei prodotti acquistati potremo notare il largo uso di questi agenti chimici che, una volta applicati, penetrano nella pelle accumulandosi nei tessuti. Le ricerche scientifiche volte a correlare i parabeni all'insorgere di allergie, dermatiti o anche tumori hanno in realtà dimostrato soltanto la loro presenza nei soggetti affetti da determinate patologie, senza tuttavia dimostrarne un rapporto diretto di causa ed effetto. In sostanza: i parabeni si accumulano nel corpo ma nulla dimostra che siano causa di tumori o altre malattie.

Un'ulteriore riprova ci viene direttamente dall'UE che ne autorizza l'uso e nega la loro nocività per la salute. Anche la Food and Drug Administration li ha inseriti fra le sostanze GRAS (Generally Recognized As Safe).

"Un acquisto consapevole e responsabile è possibile solo in seguito ad una corretta informazione"

Vi sono solo 5 tipi di parabeni cancellati dalla lista dei conservanti autorizzati, secondo una regolamentazione del 2011:

  • propilparabene

  • butilparabene

  • isobutilparabene

  • pentilparabene

  • benzilparabene

L’Unione europea infatti classifica i parabeni come potenziali interferenti endocrini e si è ritenuto opportuno escluderli dai prodotti per bambini fino a 3 anni a scopo precauzionale.

Esistono delle valide alternative ai parabeni, alcune anche di origine organica e naturale che sarebbe bene prendere in considerazione in virtù di una maggiore ecosostenibilità. Infatti i parabeni risultano essere prodotti ad alto impatto ambientale, difficilmente smaltibili e in grado di contaminare gli habitat di scarico. Evitare l'uso di queste sostanze è una scelta green ed ecosostenibile ma non sempre altrettanto salutare. Occorre prestare molta attenzione ai prodotti che si sponsorizzano per l'assenza di questi agenti chimici poiché, in realtà, potrebbero contenere altri tipi di conservanti davvero dannosi per la salute e ancor più per l'ambiente. Un acquisto consapevole e responsabile è possibile solo in seguito ad una corretta informazione.

Rubriche

Comuni in bolletta, rischio emergenza rifiuti estiva

REGIONI E PA - Redazione, 11-08-2017

Comuni in bolletta, rischio emergenza rifiuti estiva

I rifiuti vanno in vacanza e anzi sembrano seguirci. Si presenta anche quest’anno il tema dello smaltimento in aree che vivono la sovrappopolazione estiva.

Non mancano le...

Caldo record: come contrastarlo senza alzare la bolletta

CONSUMER - Redazione, 11-08-2017

Caldo record: come contrastarlo senza alzare la bolletta

Il caldo di questi ultimi giorni ha messo KO l’Italia, creando non pochi disagi alla vivibilità di città e spazi aperti e rendendo difficile anche la semplice vita...

Più competitività per l'agroalimentare a filiera corta con l'essiccatore solare

THINK TECH - Redazione, 11-08-2017

Più competitività per l'agroalimentare a filiera corta con l'essiccatore solare

Garantisce un’elevata sostenibilità ambientale, oltre che benefici per la filiera corta, e facilità di utilizzo. È l’essiccatore per prodotti agricoli realizzato con pannelli solari. Il dispositivo è stato...

D'estate a Milano il riciclo si impara giocando

SMART CITY - Redazione, 11-08-2017

D'estate a Milano il riciclo si impara giocando

Il riciclo può essere un gioco (divertente). A Milano il Municipio 4 con la collaborazione dell’onlus AmbienteAcqua promuove la rassegna eventi R-Estate che prevede una serie di laboratori...

Waid aderisce a Let's Do It! Mediterranean per un mare più pulito

CONSUMER - Redazione, 10-08-2017

Waid aderisce a Let's Do It! Mediterranean per un mare più pulito

Acquistare un paio di occhiali da sole per tenere pulite le coste del Mediterraneo. Il brand Waid ha deciso di supportare il progetto Let's Do It! Mediterranean, che...

Il peer to peer viaggia su due ruote

SMART CITY - Redazione, 10-08-2017

Il peer to peer viaggia su due ruote

Il bike sharing privato parla italiano. La start up SPINEBIKE, propone una vera evoluzione della mobilità sostenibile sul mercato italiano e spagnolo. L’innovazione è nel proporre  un...

Al via i lavori per il Sistema nazionale delle ciclovie turistiche

SMART CITY - Redazione, 09-08-2017

Al via i lavori per il Sistema nazionale delle ciclovie turistiche

Parte l’iter per la realizzazione di tre ciclovie turistiche – Garda, Magna Grecia e Sardegna – che si snoderanno per 2.370 km. Oggi il Ministro dei Trasporti, Graziano...

Sensoristica di movimento: a Roma risparmi del 30% sull'illuminazione pubblica

SMART CITY - Redazione, 09-08-2017

Sensoristica di movimento: a Roma risparmi del 30% sull'illuminazione pubblica

Continua la trasformazione smart di Roma. Dopo la firma del memorandum d'intesa tra Acea e Open Fiber per portare la banda ultra larga in alcune aree della Capitale...

Energie rinnovabili per produrre cibo: da oggi si può

THINK TECH - Redazione, 09-08-2017

Energie rinnovabili per produrre cibo: da oggi si può

Usare una fonte di energia rinnovabile per produrre cibo? Da oggi è possibile. Alcuni ricercatori finlandesi della  Lappeenranta University of Technology (LUT) e della...

Isole minori: produzione da FER sotto il 4%. Zanchini (Legambiente): “Serve una cabina di regia…

SMART CITY - Redazione, 08-08-2017

Isole minori: produzione da FER sotto il 4%. Zanchini (Legambiente): “Serve una cabina di regia nazionale”

L’energia consumata sulle isole minori è prodotta solo per il 4% da rinnovabili, mentre la media dell’Italia è del 35%. Le prestazioni delle isole sono deficitarie...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy