A+ A A-

Smart Forest, il progetto trentino per una gestione integrata delle foreste

Promuovere una gestione integrata e sostenibile delle aree forestali del Trentino Alto-Adige. È l’obiettivo del progetto Smart Forest che vuole “rivisitare i processi gestionali tradizionali, taluni di natura cartacea” e “mettere a sistema le informazioni raccolte dai diversi enti che già si occupano della gestione del bosco”, ci spiega Massimo Barozzi, Direttore tecnico di Trilogis.

Il progetto è stato presentato alla Provincia Autonoma di Trento (PAT) dal Consorzio dei Comuni Trentini (CCT) su iniziativa di 3 imprese locali: Trilogis per l’appunto, Studio 3E e JLBBooks. E punta a rendere i boschi e, più in generale, le montagne un pilastro della green economy partendo dal monitoraggio del cambiamento delle masse legnose consentito dall’uso di “immagini ricavate dai radar degli aerei” che vengono codificate “usando modelli matematici sviluppati da FEM e FBK”, ci spiega Barozzi. Questo è solo un tassello del progetto che è stato realizzato, ma importante: la conoscenza e la disponibilità di informazioni sul volume legnoso, la biomassa e il numero di alberi del bosco permettono di tenere sotto controllo una eventuale deforestazione legale o disboscamento selvaggio. Un'altra iniziativa ha previsto la consegna “alle guardie forestali del Comune di Arco (TN) di tablet per comunicare, in tempo reale, eventuali emergenze sul territorio”.

Al termina di SMART FOREST verrà realizzata una piattaforma standard e open data, che userà e a sua volta metterà a disposizione, dati e geodati, per favorire una maggiore collaborazione tra soggetti pubblici e privati. Una naturale evoluzione nella gestione del patrimonio forestale che aiuterebbe non solo a preservarlo, ma anche ad alimentare un turismo green: “In Trentino Alto Adige siamo naturalmente portati a questa duplice vocazione e promuoviamo, ad esempio, sentieri per chi va a caccia di funghi o in mountain bike”. Nella Val di Rabbi, ad esempio, “con i sistemi di geolocalizzazione vengono inviati dati su contenuti storici, ludici e sentieristici per una mobilità intelligente”, prosegue Barozzo. O ancora l’Altopiano dell’Asiago, così ricco di storia: “Qui i boschi sono ricchi di storia e di informazioni ed erano strategici già ai tempi della guerra”.

Oltre a creare dei modelli smart da esportare in altri Paesi, il progetto vuole promuovere un sistema per l’auditing delle informazioni per l’ottenimento della certificazione forestale, che garantirebbe il perseguimento di determinati requisiti nella gestione boschiva, in modo da avere più trasparenza nei dati e maggior controllo sul prelievo del legno.

Articoli correlati Cambiamento climatico, il contributo delle foreste

Lo sporco giro del legno

Rubriche

Biogas, batteri “affamati” per rendere gli impianti più efficienti

EFFICIENZA - Monica Giambersio, 26-05-2017

Biogas, batteri “affamati” per rendere gli impianti più efficienti

Un acceleratore di processo “adattabile a qualsiasi tipo di impianto, per tecnologia e dimensione, che si applica senza alterazioni o modifiche della struttura”. E’ Bioreval, la soluzione realizzata...

Il futuro dei rifiuti umidi tra compost e bioraffinerie

THINK TECH - Redazione, 26-05-2017

Il futuro dei rifiuti umidi tra compost e bioraffinerie

Sfruttare le “grandi potenzialità industriali” legate al biometano, favorire l’utilizzo del compost in agricoltura e prevedere il su inserimento negli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione, realizzando nei prossimi...

Basta telefonate moleste: Enel abbandona il teleselling

CONSUMER - Redazione, 25-05-2017

Basta telefonate moleste: Enel abbandona il teleselling

Il teleselling, cioè la vendita per via telefonica, viene spesso considerata un metodo poco chiaro di vendere un servizio nei confronti del consumatore.

Senza cadere in facili generalizzazioni...

Manovrina Ecobonus cedibile con maggiore facilità

IL COMMENTO - Andrea Di Dio - Teresa Gasparre, DLA Piper, 25-05-2017

Manovrina Ecobonus cedibile con maggiore facilità

Nell'ambito dei lavori di conversione del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, la V Commissione Permanente "bilancio, tesoro e programmazione" della Camera ha approvato, in sede referente, una...

Nucleare al centro della sostenibilità energetica

IL COMMENTO - Redazione, 24-05-2017

Nucleare al centro della sostenibilità energetica

Le 18 bobine tiroidali che opereranno in ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) a Cadarache, nel sud della Francia, presentate a La Spezia presso lo stabilimento di ASG Superconductors lo...

Una P.A. green vale 103 milioni di euro

SMART CITY - Redazione, 24-05-2017

Una P.A. green vale 103 milioni di euro

Se tutti i dipendenti pubblici acquisissero comportamenti di consumo responsabili si otterrebbe una riduzione che va dal 5 al 15% della spesa della P.A. in bolletta: circa 103...

La comunicazione al centro dell'efficienza energetica

EFFICIENZA - Redazione, 24-05-2017

La comunicazione al centro dell'efficienza energetica

Il ruolo dell’energy manager nell’industria alimentare si basa su coinvolgimento e comunicazione tra i reparti e passione per il proprio lavoro. Queste le conclusioni della quinta edizione di...

Infrastruttura a idrogeno, in Giappone l'accordo tra 11 imprese

THINK TECH - Redazione, 24-05-2017

Infrastruttura a idrogeno, in Giappone l'accordo tra 11 imprese

Si potrebbero definire i “fantastici 11 dell’idrogeno”, le altrettante compagnie che lo scorso 19 maggio hanno siglato un accordo di collaborazione per lo sviluppo indipendente su larga scala...

Mobilità elettrica, nel Comune di Milano 10 mila ricariche in un anno per Nissan e…

SMART CITY - Redazione, 23-05-2017

Mobilità elettrica, nel Comune di Milano 10 mila ricariche in un anno per Nissan e A2A

A2A, Nissan e Comune di Milano tirano le somme. Ad un anno dall’installazione delle 13 paline fast charge, progettate e fornite da Nissan per essere integrate nel sistema...

Elettricità dal metano grazie a batteri sintetici

THINK TECH - Redazione, 23-05-2017

Elettricità dal metano grazie a batteri sintetici

Riscrivere il dna dei batteri al computer per creare microorganismi sintetici non presenti in natura in grado di convertire il metano in elettricità. E’ quello che è...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy