Nucleare di quarta generazione è “assurdità”

Nessuna rivoluzione tecnologica: semplici migliorie, non ancora mature, a uno schema di base collaudato da Fermi a Chicago nel 1942. Il commento di Valerio Rossi Albertini.

370

Ilnucleare di cui si sta parlando adesso, di quarta generazione, è una follia, un’assurdità. L’energia prodotta tramite fissione nucleare è basata principalmente sull’uso di combustibili come l’uranio e prevede la produzione intrinseca di elevate quantità di scorie altamente radioattive e per le quali non sussiste ancora una soluzione veramente accettabile.

Le generazioni delle centrali nucleari costituiscono solo delle semplici migliorie. Non si tratta di una “rivoluzione tecnologica”. Il nucleare tradizionale, a fissione, buono non sarà mai: presenta costi occulti che non vengono tenuti in considerazione nel bilancio della produzione energetica ma che sono esorbitanti.

Nucleare a fusione

Diverso è il discorso quando si parla di nucleare a fusione, quello cioè che simula i processi che avvengono nel sole e nelle stelle. Si tratta di uno degli obiettivi tecnologici più ricercati per generare energia pulita, poiché comporta la promessa di fornire approvvigionamento energetico sicuro senza emissioni di carbonio e per un periodo di tempo così lungo da coprire le generazioni a venire.

A partire da queste premesse, Unione europea e partner internazionali hanno già avviato il progetto di reattore sperimentale termonucleare internazionale (Iter) che potrebbe contribuire in modo significativo a soddisfare il fabbisogno di energia pulita del futuro. Tuttavia, si tratta di un processo molto difficile da realizzare.

Leggi anche Nucleare, petizione al Governo italiano: “No a transizione fossile”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Valerio Rossi Albertini
Fisico Cnr e professore di divulgazione della scienza.