idrogeno

Hyundai Mobis costruirà due nuovi impianti di celle a combustibile in Corea del Sud per accelerare la mobilità a idrogeno. L’annuncio è arrivato il 7 ottobre in occasione della cerimonia inaugurale del nuovo stabilimento che produrrà batterie a combustibile H2 presso il complesso industriale di Cheongna International City a Incheon.

I due impianti svolgeranno compiti diversi nel processo di fabbricazione. A Incheon saranno prodotti gli stack che a Ulsan verranno assemblati con altri componenti dei sistemi a celle a combustibile.

Leggi anche Efficienza, se le celle a combustibile sfruttano processi elettrochimici

L’investimento su larga scala per sviluppare l’economia a idrogeno

L’investimento previsto è di 1,1 miliardi di dollari, circa 9,5 miliardi di euro, e i nuovi impianti inizieranno la produzione nella seconda metà del 2023. Quando saranno pienamente operativi dovrebbero produrre 100mila celle a combustibile ogni anno. Con il completamento dei nuovi impianti, la casa automobilistica prevede di espandere le sue linee di produzione e diversificare il business dell’idrogeno. La maggior parte dei sistemi a celle a combustibile sono utilizzati nei veicoli elettrici e se ne prevede l’applicazione nel settore delle attrezzature logistiche.

Lo scorso anno lo sviluppo di alimentatori a celle a combustibile per i carrelli elevatori a idrogeno ha aperto la possibilità di entrare nel settore delle macchine edili. Le centraline a idrogeno utilizzate sono configurate come generatori che producono elettricità combinando celle a combustibile, serbatoio di idrogeno e dispositivo di raffreddamento.

Già nel 2018 l’azienda è diventata la prima al mondo a creare un sistema di produzione completo, dalle celle a combustibile al resto dei componenti elettronici nello stabilimento di Chungju, in grado di realizzare circa 23.000 sistemi di celle a idrogeno all’anno.

Mobilità a emissioni zero, le prossime novità negli showroom

Il marchio sudcoreano ha già annunciato che fornirà versioni a celle a combustibile a idrogeno per tutti i suoi veicoli commerciali entro il 2028. L’obiettivo è quello di raggiungere una competitività di costo paragonabile a quella delle batterie per veicoli elettrici entro il 2030. La casa automobilistica ha anche condiviso i dettagli sulla sua auto sportiva a idrogeno ad alte prestazioni a trazione posteriore, la Vision FK, con un sistema di celle a combustibile da 500 kW e 600 km di autonomia che può spingerla da 0 a 100 km all’ora in meno di quattro secondi.

I piani di Hyundai puntano al lancio di due nuovi propulsori a celle a combustibile a idrogeno nel 2023, che l’azienda spera contribuiranno a rendere mainstream questa tecnologia entro il 2040.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.