Comau-Ilika_Goliath batterie
Fonte: Comau

Ilika Technologies Ltd e Comau, parte di Stellantis, hanno portato a termine uno studio, della durata di un anno, sui macchinari e i processi necessari a produrre la tecnologia allo stato solido basata sull’elettrolita di ossido su una scala approssimativa di 100 MWh all’anno. Lo studio è stato finanziato dal Governo britannico.

I risultati dello studio sulla tecnologia allo stato solido basata sull’elettrolita di ossido su una scala

Dallo studio emerge che, la maggior parte delle fasi di produzione delle celle allo stato solido si può realizzare su macchinari standard o leggermente personalizzati, che sono impiegati nella produzione di batterie agli ioni di litio convenzionali basate sull’elettrolita liquido. Lo studio identifica anche alcune fasi di processo per le quali bisogna invece sviluppare macchinari Assb specifici.

Comau ha affiancato Ilika nello sviluppare un processo di produzione sia in laboratorio che su scala industriale, concentrandosi sull’utilizzo di tecnologie e macchinari già disponibili, che quindi richiedono una ridotta personalizzazione e un investimento limitato per i clienti. L’azienda ha inoltre sviluppato altri processi e macchinari da industrializzare successivamente.

Conclusasi la fase di studio di progetto, le due aziende hanno definito una roadmap per raggiungere livelli di produzione di massa. Comau supporterà Ilika in tutte le fasi necessarie per lo sviluppo dell’industrializzazione delle batterie.

La scalabilità della produzione

La scabilità della produzione avverrà in tre fasi: la prima, già in corso, consiste nel passare a 2 MWh all’anno entro la fine del 2023, ampliando la struttura nell’Hampshire, nel Regno Unito, utilizzando i fondi di un contributo del 2021. Lo studio finanziato dalle due aziende si è concentrato su una capacità di 100 MWh, ma in un secondo momento sarà realizzata la seconda fase di scalabilità di Ilika. La terza fase sarà sulla scala dei GWh e sarà realizzata dopo che verrà messa in funzione la struttura da 100 MWh.

Il direttore della Trasformazione automotive dell’Advanced propulsion centre (Apc), Julian Hetherington, ha dichiarato: “Il Regno Unito ha una lunga tradizione di successi nella produzione automobilistica e quest’industria oggi ha bisogno di espandersi verso tecnologie a emissioni nette zero. Siamo lieti che il finanziamento concesso a Ilika e Comau attraverso l’Automotive transformation fund (Atf) abbia sostenuto con successo lo sviluppo collaborativo dei prodotti e dei processi di produzione, che può aprire la strada a successivi investimenti in strutture industriali”.

La tecnologia Goliath Assb di Ilika per i veicoli elettrici può migliorare l’energia e la densità di potenza a livello di pacco, rendendo possibile una ricarica in meno di 20 minuti e un funzionamento a temperature più elevate, rispetto alle batterie agli ioni di litio convenzionali.

John Coombes, managing director di Comau UK, ha dichiarato: “Questo progetto rappresenta una parte integrante del percorso di Comau verso l’elettrificazione, sviluppato con un team congiunto del Global Competence Center per batterie a Torino, e di Comau UK. Siamo orgogliosi della collaborazione che abbiamo avuto con Ilika e l’Apc, e anche di essere riusciti a dimostrare il valore che le nostre competenze possono apportare in questo campo”.

Per Graeme Purdy, ceo di Ilika: “Questo progetto ha confermato con successo i piani industriali di Ilika per la sua tecnologia Goliath, evidenziando alcuni importanti vantaggi in termini di risparmio dei costi a livelli di produzione più elevati, aprendo la strada alla produzione su scala gigawatt. La collaborazione con Comau, uno dei leader mondiali nella progettazione di soluzioni ingegneristiche innovative, ha fornito un piano solido per portare al livello successivo la capacità produttiva di Ilika per le batterie allo stato solido Goliath”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.