Camera e Senato ancora “ai box”

Il processo di formazione del Governo tiene al minimo i lavori di aule e commissioni. Proseguono le audizioni sul Pnrr

233

ParlamentoIn attesa di conoscere gli esiti delle consultazioni per la formazione del nuovo Governo, passate anche per l’idea di un nuovo ministero per la Transizione ecologica, i lavori parlamentari continuano a concentrarsi su pochi provvedimenti fondamentali e sullo svolgimento delle audizioni in merito al Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Camera

“Rendere l’Italia più indipendente dagli approvvigionamenti dall’estero di materie prime ed energia, sostituendole il più possibile con quelle recuperate dai rifiuti, e costruire un sistema di gestione più autosufficiente e funzionale, colmando i gap impiantistici tra le varie aree del Paese e rispetto all’estero”. Questo uno degli auspici espressi dai presidenti di Fise Assoambiente e Fise Unicircular, Chicco Testa e Paolo Barberi, intervenuti in audizione in commissione Ambiente della Camera sul Pnrr.

Nella stessa commissione sono state ascoltate Assobioplastiche, fondazione per lo Sviluppo sostenibile, Symbola, Greenpeace, Unirima, Assorima, Assofermet e Aic (qui le memorie depositate).

Senato

Di interesse anche l’audizione dei rappresentanti di Banca d’Italia sul Pnrr, convocati dalle commissioni V riunite di Senato e Camera, dove hanno sollecitato “una puntuale quantificazione del contributo di ciascun progetto alla spesa destinata alla transizione verde e a quella digitale” (qui la memoria depositata).

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.