RAEE, in Italia oltre il 90 per cento delle stampanti professionali non è riciclato nel modo corretto

Una ricerca realizzata dal Politecnico di Milano per conto di Erion Professional svela che il fenomeno dei flussi paralleli colpisce particolarmente il settore delle stampanti professionali.

458
  • Il tasso di raccolta dei RAEE professionali è ancora irrilevante rispetto a quello dei rifiuti domestici.
  • Solo il 5-10% delle stampanti professionali viene correttamente riciclato in Italia.
  • Lo rivela uno studio del Politecnico di Milano commissionato da Erion Professional, che ha lanciato un programma per contrastare questo problema.

stampanti professionali

I Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) possono essere di origine domestica o commerciale. Nell’ultimo caso, vengono chiamati RAEE professionali e, spesso, non vengono smaltiti nel modo corretto: quando la loro gestione viene affidata a operatori del libero mercato, è difficile tracciarne la destinazione.

Una ricerca realizzata dal Politecnico di Milano per conto di Erion Professional ha rivelato che il fenomeno dei flussi paralleli colpisce particolarmente il settore delle stampanti professionali, che hanno un ciclo di vita relativamente breve. Su 500mila pezzi immessi sul mercato ogni anno, in Italia ne vengono gestiti circa 220mila, cioè il 44 per cento del totale.

Leggi anche: Il valore strategico dei RAEE, le 32 proposte della filiera per migliorare il sistema

Soltanto una percentuale compresa fra il 5 e il 10 per cento, però, entra nel canale formale, l’unico in grado di garantire gli obiettivi di recupero e riciclo e favorire il reinserimento delle materie prime seconde all’interno di nuovi cicli produttivi. Un altro 44 per cento viene destinato all’esportazione, spesso nei paesi meno sviluppati, mentre il resto rimane in magazzino oppure viene donato.

Le indicazioni dell’Unione europea

“L’Unione europea ci chiede un obiettivo di raccolta del 65 per cento tra RAEE domestici e professionali, rispetto all’immesso sul mercato nei tre anni precedenti. Registriamo, ad oggi, un gap superiore al 50 per cento. Un divario sul quale il settore dei RAEE professionali deve intervenire, soprattutto perché il tasso di raccolta è tutt’oggi irrilevante rispetto a quello dei rifiuti domestici”, ha dichiarato Daniela Valterio, presidente di Erion Professional.

Exceed, il programma di raccolta dei RAEE professionali

In molti casi, sono i costi elevati e le pesanti procedure burocratiche a disincentivare il corretto smaltimento. Per contribuire alla risoluzione del problema, Erion ha lanciato Exceed, un innovativo programma di raccolta e riciclo dei RAEE professionali che offre diversi servizi personalizzati: dalla formazione ambientale a un’applicazione per gestire il ritiro gratuito dei RAEE, dalla semplificazione della gestione documentale a un call center dedicato per supporto e consulenza.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.