Accordo 1024x538Il consorzio Erp Italia e Confcommercio hanno siglato un accordo per favorire la gestione sostenibile dei rifiuti di Apparecchiature elettriche ed elettroniche e dei rifiuti di pile e accumulatori.

Cosa prevede l’accordo

Nello specifico l’accordo – che coinvolge Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza –  prevede che gli associati possano avere un supporto operativo per la procedura semplificata legata allo svolgimento degli adempimenti previsti per la gestione dei rifiuti. Queste imprese potranno inoltre godere di una serie di vantaggi economici e di attività formative ed informative sulla corretta gestione del fine vita, in Italia e in Europa. il tutto grazie alla partnership strategica del consorzio Erp con il gruppo Landbell.

Consulenza gratuita

Più in dettaglio, gli associati a Confcommercio hanno la possibilità di ricevere consulenza gratuita sugli obblighi legislativi in capo ai produttori in materia di Aee e/o di pile e accumulatori riguardo all’iscrizione ai Registri nazionali. Ma anche sull’Open scope raee per gli obblighi normativi in capo a produttori e distributori.

Un accordo per “agevolare le aziende nella gestione del fine vita”

“Questo accordo, che segue di poco quello con Anima (…) – spiega in una nota Alberto Canni Ferrari, procuratore speciale del consorzio Erp Italia – va nella direzione di cercare di agevolare le aziende italiane nella gestione del fine vita. Un’attività complessa che deve rispettare norme e procedure molto dettagliate. E che il consorzio Erp Italia è in grado di garantire. Per questo voglio invitare gli associati di Confcommercio a sfruttare questa opportunità che prevede condizioni favorevoli. Il tutto con la consapevolezza che i vantaggi saranno per entrambe le parti, ma soprattutto per l’ambiente”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.