L’economia circolare si veste di wax

L'esperienza di un laboratorio solidale che crea professionalità guardando al recupero di tutte le materie prime

273
Pezzi prodotti dal laboratorio di Coloriage alcuni orginali alcuni difettati e riadattati

Non tralasciare neanche un pezzo di stoffa e recuperare anche capi confezionati con dei difetti all’origine rendendoli unici. Arricchirli con i caldi colori del wax una speciale tecnica di tintura tipica dei capi africani. È questo che fa l’associazione Coloriage. Una filiera il più possibile sostenibile e che segue acquisti equi e solidali con i produttori, sopratutto in Africa in Mali e in Senegal. A chiudere il cerchio l’attenzione alle risorse umane per cui da un’opportunità di formazione e lavoro a migranti e disoccupati in Italia.

Valeria Kone e Sandrine Flament

L’iniziativa nasce da due veterane di progetti per la valorizzazione di professionalità tra l’Europa e l’Africa: Valeria Kone e Sandrine Flament. Le due fondatrici della neonata associazione si sono conosciute proprio grazie a queste esperienze, peraltro ancora in corso.

Lavori di Coloriage
Cerchiamo di affidarci a una filiera controllata con provenienza per il 70% dall’Africa. In prospettiva speriamo di riuscire ad avere per tutta la filiera materiali equi e solidali” spiega Valeria Kone a Canale Energia, che conclude: “Siamo molto attente alle scelte ambientali dei nostri fornitori”.

Le attività del laboratorio

Il laboratorio cura corsi di formazione per manodopera non specializzata. Guarda sopratutto a dare un’opportunità di integrazione ai migranti ma si occupa anche di disoccupati.

Si possono realizzare capi su misura in base ai modelli a disposizione scegliendo anche le stoffe che si preferiscono o portare propri capi da far riadattare o personalizzare con la fantasia wax. Insomma il riuso  diventa un’occasione di ottenere un nuovo e originale capo.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
CONDIVIDI
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.