Gli allevatori italiani custodi del territorio e dell’ambiente

Nella giornata dedicata al comparto, il presidente di Aia ribadisce "custodi del territorio e dell'ambiente" in occasione della giornata dedicata al patrono degli animali sant'Antonio Abate, in Piazza San Pietro in Vaticano

259

Nella giornata dedicata agli allevatori l’Aia, Associazione italiana allevatori, si è incontrata a piazza San Pietro in Vaticano per celebrare il Santo Patrono degli animali Sant’Antonio Abate e ribadire l’impegno per un ambiente migliore e sostenibile.

Ambiente, cibo, benessere animale e cura del territorio sono gli elementi al centro delle sfide della associazione, come ricorda nel corso delle celebrazioni il presidente Roberto Nocentini.

Sostenibilità ambientale e animale sono i punti di forza per il futuro insieme ai nostri giovani” ribadisce ai microfoni di Canale energia Nocentini: “Siamo orgogliosi perché in nostri allevatori riescono a rendere bello e sicuro il territorio. Pensiamo l’Appennino che senza gli allevatori sarebbe veramente un disastro” (nel video l’intervento completo).

Economia circolare al centro della sostenibilità degli allevamenti italiani

Un impegno che l’Aia ha formalizzato aderendo al Manifesto di Assisi per un’economia a misura di uomo e contro la crisi climatica. Per cui l’intento è, come ricorda in una nota il direttore generale dell’associazione Roberto Maddè, sviluppare “l’economia circolare, di una zootecnica ecocompatibile” sottolineando come il valore delle persone il benessere degli animali allevati siano nel Dna della categoria.

L’essere “Custodi del creato” è il messaggio che l’associazione rinnova in occasione della festività di Sant’Antonio Abate. Non manca la solidarietà a chi, proprio a causa dell’emergenza climatica e dei ripetuti sismi, ha perso raccolti e allevamenti.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.