bonus vacanzePer chi sta pianificando le ferie arriva un’importante novità: dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 si potrà richiedere il bonus vacanze previsto dal DL Rilancio.

Potrà fare richiesta una famiglia con un reddito Isee fino a 40.000 euro, riportato in una Dichiarazione sostitutiva unica in corso di validità. Se il nucleo familiare è composto da almeno tre persone l’importo del bonus è di massimo 500 euro. Scende a 300 in caso di due componenti e a 150 in caso di single.

Come richiedere il bonus vacanze

Per attivare la procedura bisogna scaricare l’applicazione dei servizi pubblici “IO” resa disponibile da PagoPA, sistema per i pagamenti a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi in Italia. Una volta scaricata si può effettuare l’accesso con lo Spid o con la carta d’identità elettronica (Cie 3.0). Al termine della richiesta si ottiene un codice univoco e un QR-code da esibire al momento del pagamento.

L’80% è sconto diretto

L’80% dell’importo del bonus vacanze si può usare per il pagamento in un’unica soluzione dei servizi fruiti in Italia in imprese turistiche e ricettive, bed & breakfast e agriturismi. Equivale a uno sconto diretto che uno dei componenti della famiglia può usare al momento del pagamento.

Il restante 20% sarà detraibile dalla stessa persona con la dichiarazione dei redditi del 2021. Per questo al momento del pagamento bisognerà richiedere la fattura, il documento commerciale, lo scontrino o la ricevuta fiscale. Il codice fiscale dell’intestatario del bonus dovrà essere riportato in tutti questi documenti.

La struttura ricettiva verificherà la validità del bonus inserendo il codice univoco, il codice fiscale del cliente e l’importo del corrispettivo. La somma è riportata nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, al quale si accede con Spid, carta di identità elettronica, credenziali Entratel o Fiscoline. L’imprenditore potrà recuperare lo sconto, senza limiti d’importo, sotto forma di credito d’imposta in compensazione nel modello F24. In alternativa potrà cederlo a terzi – fornitori, istituti di credito e intermediari finanziari – comunicandolo all’ Agenzia attraverso una procedura web.

Viaggi in Italia e turismo sostenibile

La misura vuole incentivare i viaggi in Italia, come più volte auspicato dal governo e dallo stesso presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Gli italiani rispondono già positivamente. Secondo l’ultima indagine condotta da Coldiretti e Ixè, 1 italiano su 4 nel 2020 ha scelto per le vacanze una meta vicino casa. “Nonostante gli spostamenti su tutto il territorio nazionale ed estero siano ora consentiti, gli italiani optano per una vacanza di corto raggio”, commenta Coldiretti in una nota stampa. Una grande speranza per il turismo italiano che per l’analisi di Coldiretti su dati Istat vale 102 miliardi euro l’anno. Soprattutto per quello sostenibile.

Leggi anche Turismo sostenibile, Ispra-Snpa pubblicano le Linee guida per una Spiaggia ecologica

Covid-19 e turismo sostenibile un’opportunità per i parchi

Salute degli ospiti e prevenzione rifiuti: i rifugi pensano alla riapertura

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.