Caro benzina, previsti aumenti nel costo dei prodotti al dettaglio

L'analisi di Federconsumatori

904

caro-benzinaIl caro benzina raggiunge i 1,65 Euro al litro in modalità self service fino a punte di 1,98 Euro al litro per il servito. Secondo il Ministero dello Sviluppo Economico si tratta del prezzo più alto da giugno 2019.

Il caro benzina, stando ai calcoli dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori (O.N.F.), dovrebbe attestarsi almeno 12 centesimi al di sotto di quello attuale. L’associazione di consumatori ha calcolato che si tratta di un sovrapprezzo che porterebbe a un aggravio di circa +144 euro ad automobilista. Mentre sui beni di consumo trasportati su gomma, si tratta di un aumento in termini indiretti di 107,28 Euro annui a famiglia. Per un aggravio complessivo pari a 251,28 Euro.

“È evidente come questi aumenti stiano penalizzando i cittadini, che si trovano già a far fronte a forti rincari sul fronte energetico” rimarca Emilio Viafora, presidente Federconsumatori. “Quel che è peggio è che rischiano di compromettere gravemente la ripresa economica in un settore chiave, come quello turistico, che tanto ha sofferto in questi ultimi mesi.”  

L’Associazione ribadisce il ruolo del Governo per ridurre il peso delle accise che come più volte denunciato sono eccesive superiori alla media europea e soprattutto caratterizzate da una sistema di tassazione doppia in quanto l’Iva (imposta) viene applicata anche sull’accisa (altra tassa).

Leggi anche: “Le accise dei carburanti non scadono mai “e ci paghiamo sopra l’Iva

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.