Edilizia Efficiente 1024x557

Prodotti locali per l’Edilizia Sostenibile (PLES) è il nome del nuovo progetto “cluster” della durata di 30 mesi guidato da DICAAR – Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura dell’Università di Cagliari e coordinato da Sardegna Ricerche, che coinvolge dodici imprese sarde per lo sviluppo di soluzioni costruttive ecosostenibili per pareti e solai, integrate con elementi per l’isolamento.
PLES è uno dei 35 progetti di collaborazione sostenuti da Sardegna Ricerche con il programma “Azioni cluster top-down” ed è finanziato dal POR FESR Sardegna 2014-2020.

Muri in legno 100% sardo

La novità dell’iniziativa sarda sta nell’utilizzo di legno per la struttura portante dei muri e dei solai. “Già da un paio d’anni stiamo testando questa soluzione – ha spiegato il responsabile scientifico del progetto Giovanna Concue ora siamo pronti per utilizzarla”.
Altro aspetto caratterizzante è l’appplicazione in tutte le fasi di un modello di filiera corta. L’obiettivo, infatti, è di utilizzare per le installazioni materiali sostenibili e reperibili localmente: il legno che sorreggerà i muri sarà 100% sardo, così come i materiali naturali che formeranno i pacchetti componibili multistrato di isolamento (legno strutturale, sughero, lana di pecora, intonaci naturali).
Questa soluzione presenta vantaggi di naturalità, stabilità dimensionale, alto grado di prefabbricazione a livello produttivo, rapidità di montaggio, proprietà di resistenza e rigidezza. Per gli elementi di finitura saranno impiegati prodotti dell’artigianato tessile, intonaci di origine naturale e prodotti di origine vegetale.

Le prossime fasi

Il primo incontro tra i soggetti aderenti si è svolto il 14 marzo a Cagliari, nei locali del DICAAR, e ha visto un confronto tra lo staff tecnico che coordinerà il progetto, guidato da Giovanna Concu, le dodici imprese coinvolte e le altre potenzialmente interessate a partecipare.
Le società partecipanti appartengono in buona parte al settore edilizio, ma sono presenti anche imprese attive nella gestione forestale/delle risorse boschive, nella verifica e prova delle strutture e nello sviluppo di tecnologie informatiche.
La riunione ha offerto anche un momento di revisione delle componenti principali dell’idea progettuale e di valutazione degli obiettivi e dei risultati attesi, in termini meccanici, di performance energetica e ambientale, così da pianificare le prime attività.

VEDI ANCHE

Probirra, impulso alla sperimentazione

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.