Handshake 3298455 1920 1024x769
Foto di Adam Radosavljevic da Pixabay

Cogne acciai speciali ha firmato un accordo con Edison per l’utilizzo di energia green e la promozione dell’efficienza energetica.

Cosa prevede l’accordo Cogne acciai speciali-Edison

Nello specifico, l’azienda siderurgica ha sottoscritto con Edison energia un Corporate power purchase agreement (Ppa) pluriennale per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. Che coprirà il 6% dei consumi di stabilimento. Si tratta in particolare di energia idroelettrica.

Diani (Cogne acciai speciali) “Puntare su efficienza è obiettivo primario”

“Puntare all’efficienza energetica e alla diminuzione delle emissioni ambientali è diventato un obbiettivo primario per le aziende energivore moderne“, sottolinea l’ingegner Matteo Diani, dirigente responsabile Investimenti e manutenzione di Cogne acciai speciali. Nell’ottica di ridurre l’impatto ambientale del sito produttivo di Aosta, da diverso tempo come Gruppo abbiamo intrapreso un percorso di sostenibilità volto non solo all’utilizzo di energia green, ma anche all’efficienza e al risparmio energetico. Contratti come quello che abbiamo sottoscritto con Edison, così come l’accordo che stiamo trattando con il gruppo Cva e l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative a basso consumo specifico, non solo sono un dovere verso l’ambiente ma anche un’opportunità per ridurre i costi industriali.”

Teleriscaldamento, l’accordo con la città di Aosta

L’attenzione ai temi della sostenibilità è un elemento che l’azienda ha portato avanti già dal 2008. Allora infatti la Cogne acciai speciali ha stretto un accordo con la città di Aosta per contribuire al sistema di teleriscaldamento. Il tutto attraverso la cessione del calore derivato dalle acquee reflue. Dalla prima fornitura, avvenuta nell’inverno 2016, il gruppo ha erogato alla città oltre 26.000 MWh. Un quantitativo  che equivale a un risparmio di 7328 tonnellate di CO2. 

“Rinsaldare il rapporto dell’azienda con il territorio”

E’ un impegno che rinsalda lo stretto rapporto dell’azienda con il territorio”, spiega in nota l’azienda. “Con lo stesso obbiettivo, è in fase conclusiva lo studio di fattibilità per sfruttare il recupero di calore dai fumi sviluppati dal forno fusori”.

“Rispetto dell’ambiente è tema di primo piano per l’azienda”

“La transizione energetica che sta guidando l’economia verso un’attenzione sempre maggiore al risparmio energetico e ai valori della sostenibilità, è stata un’ulteriore spinta per il nostro gruppo nel percorso di efficientamento energetico”, aggiunge Matteo Diani.  “Oltre ad aver ridotto la spesa energetica, siamo riusciti a minimizzare l’impatto ambientale del nostro sito industriale. I temi relativi all’assoluto rispetto per l’ambiente sono in primo piano nell’agenda dell’Azienda e sono di rilevanza primaria per la comunità locale, considerata anche la particolare collocazione del sito all’interno del tessuto urbano della città di Aosta.”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.