Il dossier sulla candidatura Unesco delle Alpi marittime, presentato dal ministero dell’Ambiente nella passata legislatura insieme a Francia e principato di Monaco, “è stato giudicato del tutto negativamente dai valutatori” in quanto “privo dei requisiti richiesti per poter essere iscritto”.

A dichiararlo è lo stesso ministero in una nota stampa, il quale ricorda che la candidatura avanzata dall’Italia non è stata la prima a essere respinta: nelle lista ci sono anche le Dolomiti, il prosecco, il monte Etna, la dieta mediterranea.

Nonostante “Francia e Principato di Monaco volevano ritirare il dossier”, prosegue il dicastero in nota, il capo di gabinetto del ministro si presenterà al negoziato Unesco (Baky, 5-7 luglio) con “una formale dichiarazione congiunta con gli altri Stati”. C’è la volontà di “ripresentare la candidatura entro il 2021, una volta riscritto il dossier secondo le richieste dell’Unesco”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.