Dal MIT nuove batterie litio-ossigeno più efficienti e durature

451

MITUn nuovo dispositivo che mantenga le caratteristiche di prestazione delle batterie litio-aria – molto performanti dal punto di vista del rapporto peso/ quantità di energia prodotta –  ma che limiti l’inconveniente della dispersione di energia prodotta e dei brevi tempi di degradazione. E’ la ‘nanolithia cathode battery’, il progetto di un team di ricercatori, tra cui Ju Li, professore di Scienze Nucleari al MIT, al centro di un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Nature Energy. 

Nelle batterie litio-aria (usate nel settore delle auto elettriche), durante le reazioni tra litio e ossigeno, quest’ultimo gas viene rilasciato nell’atmosfera, cosa che invece non avviene, sebbene le reazioni elettrochimiche siano le stesse, con questa nuovo tipo di batteria, in grado di non permettere all’ossigeno di riassumere la forma gassosa. Questa molecola, infatti, rimane all’interno di un solido e si trasforma in maniera diretta attraverso i suoi tre stati di ossidazione sottoforma di tre diversi composti chimici solidi, Li2O, Li2O2 e LiO2 mischiati insieme.  

Ciò riduce la perdita di tensione di un fattore pari a cinque, da 1,2 volt a 0.24 volt, in modo che solo l’8% dell’energia elettrica venga convertita in calore. “Questo si traduce in una ricarica più veloce per le auto, mentre la rimozione del calore dalla batteria dà un contributo in termini di sicurezza. Altri benefici sono poi quelli legati all’ efficienza energetica”, spiega il professor Li sul sito del MIT. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.