Certificazione Energetica: in Italia si spendono in media 120€

142

Certificazione Energetica: quanto costa l’attestato? La media dello Stivale è 120 euro con picchi a Roma e sospiri di sollievo a Imperia

La Certificazione Energetica è la valutazione dell’efficienza energetica di un edificio: come riporta la guida sulla certificazione energetica del comparatore on line SuperMoney, che spiega chiaramente come si valuta l’efficienza di un immobile. Ogni edificio deve avere un attestato che certifichi il grado di efficienza energetica che si esprime in classi che vanno dalla A alla G.

Una recente ricerca di ProntoPro.it, il portale che fa incontrare domanda e offerta di lavoro professionale e artigianale, ha calcolato il costo della Certificazione Energetica in Italia a seconda della città in cui viene formulato il certificato: il risultato emerso è che il costo medio di questa pratica è di 120€.

Italiani sempre più attenti alla Certificazione Energetica

Secondo quanto sottolineato da Marco Ogliengo, CEO di ProntoPro.it, i consumatori italiani sono molto attenti all’efficienza energetica e alla Certificazione dell’immobile che desiderano acquistare, nonostante i costi di questa pratica stiano aumentando.
Molti italiani si affidano a professionisti riconosciuti da enti regionali per effettuare la Certificazione ed entrare in possesso dell’attestato rilasciato da Itaca, Istituto per l’Innovazione e la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale, che determina l’efficienza energetica della propria abitazione.

La panoramica dei risultati della ricerca di ProntoPro.it sulla Certificazione Energetica

Analizzando le cifre richieste nei venti capoluoghi di regione sugli appartamenti di 79 mq, dall’indagine emerge che Roma è la città in cui i certificati energetici sono più cari (141 euro) con una media superiore di circa il 16% rispetto a quella nazionale.

La città di Imperia ha il primato della convenienza: qui per un certificato energetico si spendono “solo” 104 euro. A pagare meno rispetto al resto d’Italia sono anche gli abitanti delle città di Frosinone, in cui i costi dei certificati energetici si aggirano intorno ai 106 euro, e quelli di Massa Carrara, dove per certificare un immobile medio si pagano 108 euro.

Certificazione Energetica obbligatoria: a cosa serve?

Per chi non lo sapesse, specifichiamo che la Certificazione Energetica degli edifici, nei casi di locazione, compravendita e per accedere agli sgravi fiscali per le ristrutturazioni volte al conseguimento di risparmio energetico, è obbligatoria.

L’importanza dell’Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è dettata dalla necessità di attestare la prestazione e le caratteristiche energetiche di un edificio, così da consentire al cittadino un confronto di tali proprietà rispetto ai valori previsti dalla legge.

Cosa fa il certificatore energetico?

Il certificatore energetico, come anticipato sopra, deve essere un tecnico abilitato: una volta calcolato l’indice di prestazione globale dell’immobile mediante opportune procedure, ha la possibilità di formulare delle raccomandazioni tecniche volte a migliorare le prestazioni dell’unità immobiliare e può prevedere il periodo di ritorno dell’investimento. 

Print Friendly, PDF & Email