Smart Water, la forte iniziativa delle utilites

83

smartwaterEuropa, Asia e Medio Oriente sono il banco di prova per numerosi progetti innovativi nello smart water. Questi dimostrano il crescente bisogno globale di modernizzare la produzione, la distribuzione e il trattamento dell’acqua.

In Europa lo SmartWater4Europe è un progetto che coinvolge water utilites, centri di ricerca, aziende del campo tecnologico e università. Tra queste le aziende leadership sono Acciona Aqua in Spagna – che per prima ha sviluppato nella spagnola Càceres un software per migliorare il controllo della rete di acqua potabile –, Thames Water in Gran Bretagna e Vitens nei Paesi Bassi.

53 bilioni di dollari sono stati assegnati in Arabia Saudita per il completamento di diversi progetti entro il 2022. La maggior parte di questi sono destinati a progetti di trattamentodesalinizzazione, principale fonte di acqua del paese che richiede una grande quantità di energia per la trasformazione dell’acqua di mare in acqua potabile. Negli Emirati Arabi Uniti la Sembcorp Water & Power Company sta espandendo il proprio impianto di desalinizzazione Fujairah 1 usando la tecnologia della canadese Energy Recovery, specializzata nell’uso dell’energia proveniente da flussi di fluidi industriali e cicli di pressione. La speranza è di ridurre annualmente le emissiondi di CO2 di 83.000 tonnellate, pari ad un risparmio di 140 milioni di kWh e più di 14 milioni di dollari.

Nel continente asiatico sono le water utilities indiane che si stanno muovendo: la Bangalore Water & Sewerage Board si è aggiudicata un contratto con la Suez Environnement per migliorare il sistema di distribuzione e ridurre le dispersioni dell’acqua (UFW). Analogamente Suez ha firmato un contratto con la Pimpri-Chinchwad Municipal Corporation per ammodernare la propria rete idrica e ridurre le UFW. Al contempo il maggior fornitore d’acqua a Delhi, la Delhi Jal Board, sta sviluppato nuove tecnologie con Itron, tra cui 120.000 advanced meters, 40.000 standard meters, attrezzature mobili per la raccolta e software.

Il problema, ora, è fare di questi progetti una priorità: la flessibilità dei paesi ricchi di petrolio come l’Arabia Saudita, che stanziano fondi per i water projects, non si ritrova nelle nazioni in cui è forte la competizione tra le diverse infrastrutture.

Print Friendly, PDF & Email