Illuminazione, motocross e sostenibilità

16

20130301-162345-SHWSS-BZYLa sostenibilità raggiunge anche il motocross e in particolare il circuito più conosciuto al mondo il “Mottaccio del Balmone”. La società Schava proprietaria di Maggiora Park, area che ospita il celebre crossodromo in provincia di Novara, sta portando avanti un progetto di riqualifica con una serie di iniziative e rinnovamenti ecosostenibili, primo fra tutti il progetto che la società Performance in Lighting ha realizzato per illuminare un’area di oltre 100.000 metri quadrati (comprendendo anche la viabilità pubblica che conduce al circuito).

Per il parco sono state scelte soluzioni tra le più efficienti in commercio (modello Aton 35 Led – marchio SBP), come ha spiegato Matteo Iuliani (area manager di PiL), in grado di garantire elevate prestazioni illuminotecniche nel rispetto delle leggi sull’inquinamento luminoso, che assicurano notevoli risparmi in termini di consumi energetici

Panoramica Maggiora Park

“Il risparmio energetico degli apparecchi installati – prosegue Iuliani – è superiore del 50% rispetto a un sistema di illuminazione tradizionale (con lampada a vapori di mercurio da 125W) e del 20% rispetto a una sorgente al sodio, a fronte di una vita media di 60mila ore. Un ottimo grado di comfort visivo è stato inoltre ottenuto grazie al sistema Reflex Comfort System di cui sono dotati questi prodotti, sviluppato in modo da consentire la distribuzione della luce emessa da ogni led senza abbagliare ed eliminando anche il fenomeno dell’emissione diretta non controllata”.

L’area circostante il ristorante panoramico, invece, è stata illuminata con 5 proiettori HORO da 1000W allo scopo di ridurre i consumi (pur mantenendo elevati livelli di illuminamento) e limitare i fenomeni di abbagliamento e inquinamento luminoso, in modo da consentire anche l’osservazione astronomica del cielo notturno.

Print Friendly, PDF & Email