chiusura estiva 2017
A+ A A-

Italian way to sustainable landfill

“Ideally sustainable landfill is the one that doesn’t exist, but in reality there’ll always be a materials’ minimal amount we will put in these locations”. Pietro Jarre, GEAM (Associazione Georisorse e Ambiente) President, explains this way the demand for manage the best way these environmental plants, nowadays suffering for cruel social and political disapprovals.

Between your training courses one is dedicated to “sustainable landfill” concept. How do you realize it?

Today we have the requirement to be socially, economically and ecologically sustainable. In first case a dump is sustainable when is located in a minimal social’ impact site, in order to give steady job on site and foreseeing from the beginning a final reutilization fruitful for the area. We have economic sustainability when costs are reduced, forecasting a biogas’ recycling to generate earnings for post closing’ advantage, when we have to have a reutilization , for example with photovoltaic systems’ implementation. Lastly, ecological sustainability is given by a management and post management with a minimal leachate’ production. Today we even try to use landfill like a wealth recovering material.

Italian landfills actualize this model?

In our country we made significant steps in recycling. We didn’t reach EU targets, but we are far ahead than twenty years ago and close to European average, considering however that EU’ widening let getting in some countries not so virtuous. In Italy we have many examples, not only up north, of biogas and leachate recycling. The risk, instead, comes when we use incinerators to work off materials to be recycled, moving from “everything in landfill” to “everything in incinerator”. A situation to be counterbalanced.

On the whole, anyway, I would not give a negative opinion about Italian landfills, considering, for example, that in water and biogas’ treatment we are champions in plant design and we have a lot to teach to other countries. This excellence, then, always fights against bureaucratic and administrative problems. One of the complications is given by the many districts when we try to manage just as many separated fields, comprehensible by a political point of view, not by a technical one.

From urban wastes to special ones, does the situation change?

We could do more, considering that we send too much abroad, for example to Germany’s halite mines, where we forward garbage low dangerous for the ambient that we could work off better here, but is difficult obtaining authorizations. In Torino, for example, there’s a landfill, recently expanded, working off biggest past of Italian dangerous garbage and it’s an example.

In occupational terms, how much is garbage’ sector worth?

Garbage’s prevention and management brings lot of work to young engineers, geologists, surveyors and consultants. Maybe, in the future, not anymore linked to landfills but in the supply chain.

Rubriche

Comuni in bolletta, rischio emergenza rifiuti estiva

REGIONI E PA - Redazione, 11-08-2017

Comuni in bolletta, rischio emergenza rifiuti estiva

I rifiuti vanno in vacanza e anzi sembrano seguirci. Si presenta anche quest’anno il tema dello smaltimento in aree che vivono la sovrappopolazione estiva.

Non mancano le...

Caldo record: come contrastarlo senza alzare la bolletta

CONSUMER - Redazione, 11-08-2017

Caldo record: come contrastarlo senza alzare la bolletta

Il caldo di questi ultimi giorni ha messo KO l’Italia, creando non pochi disagi alla vivibilità di città e spazi aperti e rendendo difficile anche la semplice vita...

Più competitività per l'agroalimentare a filiera corta con l'essiccatore solare

THINK TECH - Redazione, 11-08-2017

Più competitività per l'agroalimentare a filiera corta con l'essiccatore solare

Garantisce un’elevata sostenibilità ambientale, oltre che benefici per la filiera corta, e facilità di utilizzo. È l’essiccatore per prodotti agricoli realizzato con pannelli solari. Il dispositivo è stato...

D'estate a Milano il riciclo si impara giocando

SMART CITY - Redazione, 11-08-2017

D'estate a Milano il riciclo si impara giocando

Il riciclo può essere un gioco (divertente). A Milano il Municipio 4 con la collaborazione dell’onlus AmbienteAcqua promuove la rassegna eventi R-Estate che prevede una serie di laboratori...

Waid aderisce a Let's Do It! Mediterranean per un mare più pulito

CONSUMER - Redazione, 10-08-2017

Waid aderisce a Let's Do It! Mediterranean per un mare più pulito

Acquistare un paio di occhiali da sole per tenere pulite le coste del Mediterraneo. Il brand Waid ha deciso di supportare il progetto Let's Do It! Mediterranean, che...

Il peer to peer viaggia su due ruote

SMART CITY - Redazione, 10-08-2017

Il peer to peer viaggia su due ruote

Il bike sharing privato parla italiano. La start up SPINEBIKE, propone una vera evoluzione della mobilità sostenibile sul mercato italiano e spagnolo. L’innovazione è nel proporre  un...

Al via i lavori per il Sistema nazionale delle ciclovie turistiche

SMART CITY - Redazione, 09-08-2017

Al via i lavori per il Sistema nazionale delle ciclovie turistiche

Parte l’iter per la realizzazione di tre ciclovie turistiche – Garda, Magna Grecia e Sardegna – che si snoderanno per 2.370 km. Oggi il Ministro dei Trasporti, Graziano...

Sensoristica di movimento: a Roma risparmi del 30% sull'illuminazione pubblica

SMART CITY - Redazione, 09-08-2017

Sensoristica di movimento: a Roma risparmi del 30% sull'illuminazione pubblica

Continua la trasformazione smart di Roma. Dopo la firma del memorandum d'intesa tra Acea e Open Fiber per portare la banda ultra larga in alcune aree della Capitale...

Energie rinnovabili per produrre cibo: da oggi si può

THINK TECH - Redazione, 09-08-2017

Energie rinnovabili per produrre cibo: da oggi si può

Usare una fonte di energia rinnovabile per produrre cibo? Da oggi è possibile. Alcuni ricercatori finlandesi della  Lappeenranta University of Technology (LUT) e della...

Isole minori: produzione da FER sotto il 4%. Zanchini (Legambiente): “Serve una cabina di regia…

SMART CITY - Redazione, 08-08-2017

Isole minori: produzione da FER sotto il 4%. Zanchini (Legambiente): “Serve una cabina di regia nazionale”

L’energia consumata sulle isole minori è prodotta solo per il 4% da rinnovabili, mentre la media dell’Italia è del 35%. Le prestazioni delle isole sono deficitarie...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy