BATTERIA EV auto elettrica
foto pixabay

Il mercato globale delle batterie per veicoli elettrici ha avuto una forte espansione anno dopo anno, in particolare del 14% nel 2019, con vendite valutate fino a 91 miliardi di dollari. A stabilirlo i risultati del rapporto “Get a sample on electric vehicle battery market” recentemente pubblicati da Fact.MR, provider di ricerche di mercato e competitive intelligence.

L’analisi

Secondo l’analisi di Fact.MR, le batterie EV per le autovetture dovrebbero registrare il massimo delle vendite, rappresentando più del 50% delle entrate nei prossimi anni. Questo è dovuto principalmente alla crescente preferenza per i veicoli elettrici a livello globale. La domanda di batterie EV basate sull’elettricità immagazzinata dovrebbe guadagnare una trazione significativa, dovuta al fatto che i veicoli elettrici per viaggiare su grandi distanze stanno acquisendo popolarità. Per questo segmento è previsto un Cagr (Compound annual growth rate) superiore al 10%. 

“Con l’inasprimento delle norme sulle emissioni dei veicoli, i proprietari di automobili si stanno spostando verso l’uso di veicoli ibridi ed elettrici, spingendo i produttori a distribuire batterie dotate di una maggiore capacità di carico”, afferma un analista di Fact.MR.

Un panorama competitivo

Nei prossimi anni, i produttori delle batterie per veicoli elettrici si concentreranno principalmente su acquisizioni strategiche, collaborazioni e introduzioni di prodotti.

Nel maggio 2019, Panasonic Corporation ha annunciato il lancio di Nymbus, il primo servizio di ricarica intelligente EV in India. Il nuovo servizio combina varie componenti fisiche come stazioni di ricarica, sistemi telematici e altri con componenti virtuali tra cui intelligenza artificiale, servizio cloud e analisi per fornire una soluzione unica.

Poiché sempre più persone passano ai veicoli elettrici, Hitachi High-Tech prevede un aumento della domanda di batterie agli ioni di litio usate. Secondo l’azienda, il mercato globale annuale delle batterie di prova dovrebbe raggiungere tra i 500 miliardi (4,8 miliardi di dollari) e 1 trilione di yen entro il 2030.

Alcuni degli altri fattori che influenzano i produttori di automobili ad entrare nel mercato EV includono: una catena di fornitura funzionante e una rete di concessionari in grado di gestire volumi più grandi dell’attuale mercato. In secondo luogo, i principali attori del mercato dei veicoli convenzionali che hanno sufficiente esperienza su altri aspetti, come ad esempio l’estetica e il comfort, che potrebbero altrimenti essere trascurati.

Le principali case automobilistiche che entrano nel mercato EV stanno collaborando con le maggiori aziende di batterie per trarre vantaggio da un mercato in rapida crescita. La continua implementazione di stazioni di ricarica integrate, così come la costruzione di capacità di generazione di energia verde, aggiungerebbe del potenziale alla crescita del mercato.

L’Europa sarà protagonista del mercato

Nel 2021, l’Europa dovrebbe rappresentare oltre il 30% del mercato globale dei veicoli elettrici, registrando un Cagr superiore al 35%. Poiché i veicoli elettrici sono attualmente relativamente costosi, la crescita del business delle batterie EV nella regione è fortemente dipendente dagli incentivi governativi e dai fondi. Si prevede che la Germania rimarrà in prima linea nell’industria europea delle batterie EV. La presenza di aziende come Vdl Groep nei Paesi Bassi e AB Volvo in Svezia fornisce il potenziale per far fiorire il mercato delle batterie.

L’ambizione EV di Foxconn di decollare in Thailandia

Secondo le analisi di Global Data, il gigante taiwanese della produzione di smartphone Foxconn e il fornitore statale di petrolio Ptt Plc hanno firmato un accordo per avviare la produzione di veicoli elettrici in Thailandia.

La joint venture utilizzerà le capacità EV di entrambi per produrre e fornire veicoli elettrici in Thailandia e nella regione. Foxconn metterà a disposizione la propria esperienza nella produzione di EV, tecnologia software e hardware. Ptt la propria in materia di batterie e infrastrutture di ricarica, oltre che la sua rete di partner e la sua presenza nel business EV in Thailandia.

“La Thailandia è abbastanza nuova in termini di domanda e offerta, con pochi produttori a produrre nel Paese. Con politiche favorevoli e il patrimonio nella produzione di auto, la Thailandia offre molto più valore a Foxconn rispetto ad altri mercati”, commenta in un comunicato stampa Bakar Sadik Agwan, analista automobilistico senior di Global Data. 

L’ambizione del governo thailandese è di aumentare la quota EV nella capacità totale al 30% entro il 2030, incentivando la produzione locale per diventare il futuro “hub EV” nella regione. Foxconn avrebbe così un vantaggio da “early mover”. Inoltre, le profonde radici di PTT nel Paese garantiranno operazioni regolari per la joint venture.

Foxconn sembra essere sulla buona strada. L’impianto in Thailandia vedrebbe i veicoli in circolazione entro il 2023. Una capacità produttiva iniziale di 50.000 unità è destinata ad aumentare di tre volte entro il 2030. Mentre l’impianto in Thailandia segnerà ufficialmente Foxconn come produttore di automobili, il suo impianto di produzione statunitense con Fisker inizierà la produzione intorno allo stesso periodo del 2023.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.