Infrastrutture sostenibili, la nuova associazione per una visione olistica della progettazione

Gli obiettivi e le sfide della neonata associazione nell'intervista al presidente, Lorenzo Orsenigo

288

Progettare le infrastrutture guardando alla sostenibilità dell’impianto e di ciò che lo circonda. Con questo obiettivo si costituisce l’Infrastrutture sostenibili, l’associazione italiana per la sostenibilità delle Infrastrutture. “Se vediamo il piano nazionale per la ripartenza e la resilienza le infrastrutture costituiscono uno dei temi principali per i futuri investimenti del Recovery fund che ora si chiama Next generation EU” spiega a Canale energia il suo presidente Lorenzo Orsenigo, della azienda Icmq Spa.

Il ruolo del protocollo Envision per realizzare infrastrutture sostenibili

Un aspetto che, secondo la neonata associazione, non è proprio al centro delle competenze del legislatore declinare. Per “realizzare effettivamente delle opere sostenibili” serve avere chiari specifici “criteri e metodologie”. Per questo la scelta di fondare una realtà tecnico scientifica che possa dare il suo contributo al mercato e alle istituzioni fornendo quel punto di riferimento sulle infrastrutture sostenibili “che in Italia adesso manca”.

Una visione che i fondatori dell’associazione hanno acquisito con “l’applicazione del protocollo progettuale americano Envision”.
Envision è uno strumento di valutazione che attraverso una griglia di analisi, adattabile a qualunque progetto di sviluppo infrastrutturale permette di effettuare una misurazione oggettiva dei vantaggi del progetto nei confronti della comunità, delle capacità gestionali e manutentive durante tutta la sua vita utile e sull’opportunità di compartecipazione tra capitali pubblici e capitali privati. Si può applicare a qualsiasi infrastruttura come ponti, ferrovie e quant’altro.

“Consideriamo nella progettazione come fondamentale l’insieme delle tre dimensioni della sostenibilità: ambientale, economico, sociale”. Una sinergia verso l’impatto ambientale della struttura nell’ambiente e sul territorio e su chi lo vive che prevede anche un confronto aperto con la popolazione dell’area.

I primi obiettivi della associazione

Come primo step l’intento è realizzare dei position paper su diverse criticità. La prima sfida è il Recovery fund, “Come associazione tecnico scientifica vogliamo dare dei contributi per far capire come declinare la sostenibilità e come migliore certi processi. Ad esempio per capire come rendere più certi i tempi di esecuzione delle opere” ci stiamo già lavorando appena possibile lo divulgheremo” (nel video l’intervista completa).

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.