Caldo agosto: si posiziona alla base del podio da inizio rilevamenti. Copernicus fornisce i dati

A livello globale, agosto 2021 è stato, con agosto 2017, il terzo più caldo mai registrato, con poco più di 0,3°C in più rispetto alla media 1991-2020

152

map_ copernicus

Anomalia della temperatura dell’aria in superficie relativa ad agosto 2021 rispetto alla media di agosto per il periodo 1991-2020. Fonte dei dati: Era5. Credito: Copernicus climate change service/Ecmwf

In tutto il continente le temperature ad agosto sono state prossime alla media. La porzione meridionale e quella orientale hanno sperimentato condizioni più calde della media, mentre l’Europa settentrionale ha avuto condizioni inferiori alla media.

Il record siciliano e gli incendi

Durante l’ondata di caldo estremo nel sud dell’Europa, l’11 agosto 2021 in Sicilia è stata registrata una temperatura di 48,8 °C. Questa temperatura, se verificata dal Wmo, è stata la temperatura più alta mai registrata in Europa. L’ondata di caldo, che era legata a condizioni meteorologiche anticicloniche, ha interessato altri paesi: la Spagna, la Grecia e Turchia. Questo tempo anomalo ha favorito lo sviluppo degli incendi devastanti nella regione.

Condizioni più calde della media si sono verificate a nord del Mar Nero attraverso la Siberia, con i valori più anomali registrati a nord del Mar Caspio. Anche la Groenlandia ha avuto caldo inaspettato.

Le temperature nel resto del Pianeta

Valori superiori alla media sono stati rilevati anche a settentrione del Nord America, soprattutto a oriente. Le temperature in nord Africa sono state più alte del previsto. Questo è stato il motivo dell’impennata di calore registrata in Italia meridionale. Temperature più fredde del solito si sono verificate a nord della baia di Hudson in Canada, in Alaska settentrionale e l’adiacente mare di Beaufort e nel Messico nord-orientale. Infine, temperature più fredde del previsto hanno interessato una fascia da est a ovest attraverso la Mongolia e la Cina fino alla penisola coreana.

Nell’emisfero meridionale le temperature erano superiori la media nella maggior parte dell’Australia. Le anomalie più importanti sono state misurate nel nord del paese. Anche in gran parte del Sud America ha fatto più caldo della media. Le temperature erano molto al di sopra della media sull’Antartide orientale mentre erano più fredde su buona parte dell’Antartide occidentale. Il Brasile orientale e l’Africa centro-meridionale hanno registrato temperature più fredde della media.

I valori sulla superficie dei mari

Le temperature dell’aria hanno continuato a essere inferiori alla media su gran parte dell’Oceano Pacifico orientale tropicale e subtropicale. La porzione settentrionale ha sperimentato temperature superiori alla media. Lo stesso è successo nell’Atlantico settentrionale extratropicale, con condizioni definite “ondata di caldo marino“. Le temperature sono state generalmente più calde della media nell’Oceano Indiano e nel mare di Weddell occidentale e nell’immediato nord dell’Oceano Atlantico meridionale. Valori insolitamente freddi sono stati misurati nell’Oceano Australe a sud dell’Africa. Le condizioni sono state variabili sul resto dell’oceano sull’emisfero meridionale.

Le variazioni in breve

Su scala planetaria, agosto 2021 è stato:

  • 0,31°C in più rispetto alla media 1991-2020 per agosto;
  • Molto simile nella temperatura ad agosto 2017, rendendo i due anni il terzo agosto più caldo mai registrato;
  • Più fresco di soli 0,1°C rispetto ad agosto 2016, l’agosto più caldo mai registrato;
  • Più fresco di soli 0,05°C rispetto ad agosto 2019, il secondo agosto più caldo.

In Europa le anomalie della temperatura media sono generalmente più grandi e più variabili delle anomalie globali. La temperatura media europea per agosto 2021 era vicina alla media a solo 0,02°C al di sotto della media 1991-2020. Questa è l’anomalia più singolare da agosto 2014, quando la temperatura media europea è stata 0,11°C al di sotto del livello 1991-2020.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Domenico M Calcioli
Pubblicista dal 2007, scrive per il Gruppo Italia Energia.