giornata mondiale bicicletta

La Giornata mondiale della bicicletta è stata istituita ufficialmente nel 2018, dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con l’intento di incentivarne l’utilizzo per promuovere lo sviluppo sostenibile, l’educazione fisica delle giovani generazioni e la tutela della salute per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

A livello nazionale, il Ministero per la Transizione Ecologica ha reso concreto il suo impegno sul tema a favore di tutta la mobilità sostenibile, con la misura del Piano nazionale di ripresa e resilienza M2C2, Investimento 4.1.

Questo strumento prevede l’impiego di 0,6 miliardi con l’obiettivo di realizzare 570 km di piste ciclabili urbane e 1250 km di piste ciclabili turistiche.

Per il periodo 2021-2024, sono stati disposti altri incentivi per un ammontare di 180 milioni di euro, destinati ai residenti nei comuni interessati dalle procedure di infrazione comunitaria sulla qualità dell’aria che rottamano autovetture omologate. A questi cittadini viene riconosciuto un buono mobilità di 1.500 euro per ogni autovettura o di 500 euro per motociclo rottamato, spendibile in abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale e in biciclette.

Attraverso il Programma di incentivazione della mobilità urbana sostenibile (Primus), sono stati ammessi a un finanziamento di 15 milioni di euro, 49 progetti presentati dai Comuni relativi alla realizzazione di nuove piste ciclabili e alla sharing mobility.

E’ soggetto all’esame delle amministrazioni statali, il decreto attuativo del programma di finanziamento destinato a progetti per la creazione, il prolungamento, l’ammodernamento e la messa a norma di corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale e di piste ciclabili, istituito dal D.L. 14 ottobre 2019, n.111 (DL clima) con le modifiche apportate dall’articolo 229 del  D.L. 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio). 

Sono stati stanziati 40 milioni di euro per il finanziamento di progetti presentati dai comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti interessati dalle procedure di infrazione comunitaria sulla qualità dell’aria per la realizzazione di un’unica opera di corsie preferenziali e piste ciclabili.

Oltre a ciò, il Ministero della transizione ecologica ha lanciato il programma sperimentale del buono mobilità, che metterà a disposizione circa 200 milioni di euro, per poter acquistare biciclette, anche elettriche, veicoli elettrici per la mobilità personale, quali: segway, hoverboard, monopattini e monowheel oppure per l’utilizzo dei servizi di mobilità condivisa. Il buono, riconosciuto a tutti i maggiorenni residenti nei capoluoghi di regione, nelle città metropolitane, nei capoluoghi di provincia o nei comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti, è pari al 60% della spesa sostenuta e non può essere superiore a 500 euro.

I buoni mobilità erogati hanno raggiunto il numero di 660mila e, grazie a questi, sono state acquistate 485mila biciclette, 165mila micro-veicoli elettrici e circa 13mila servizi di mobilità condivisa ad uso individuale.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.