Il comparto food nei prodotti certificati DOP IGP torna a crescere nel 2016 raggiungendo il risultato più amplio di sempre con un +3,3%. Questi i dati incoraggianti del rapporto Ismea Qualivita 2017, presentato oggi a Roma, che vede un trend in crescita anche per gli aspetti legati a sostenibilità e valorizzazione della filiera territoriale.

Come spiega a Canale Energia Mauro Rosati direttore generale di Qualivita nel video che segue.

La sostenibilità nel vino

Il Consorzio tutela del Lambrusco di Modena, sta avviando una viticoltura sostenibile “un atto di lealtà verso il consumatore” spiega Sandro Cavicchioli del Comitato Tecnico del Consorzio.

Un progetto che recepisce un modello di sostenibilità: ambientale, sociale ed economico.

Lo sviluppo sostenibile della filiera del Lambrusco vogliamo diventi un esempio per degli altri comparti” spiega il presidente che sottolinea come la tutela ambientale sia un processo necessario per la crescita coerente del patrimonio naturale.

I produttori sono stati la “forza motrice” della certificazione sostenibile del Consorzio Tutela Vini DOC delle Venezie come spiega il presidente del Consorzio Albino Armani per la tutela del “Pinot Grigio” alla “fascetta di stato” (patrimonio che viene esportato per l’85%).

In questo strategico l’istituzione dell’ente di certificazione dedicato, Triveneto certificazioni in grado di effettuare con sinergia un lavoro sul territorio. “Un valore che il cliente finale non ha ancora colto nella sua interezza” sottolinea a conclusione del suo intervento il presidente del Consorzio.

Impatto territoriale del Food

Il valore della filiera food pari a 6,6 miliardi di euro si concentra prevalentemente nel Nord (il 58% nel nord-est e il 27% nel nord-ovest).

Un sistema diffuso ma dall’impatto concentrato in distretti.

Un comparto strategico per l’economia italiana e il posizionamento del brand Italia nel mondo, a caso è nato nel 2016 il comando dei carabinieri dedicato all’agroalimentare in Italia.

Ci auguriamo che questa filiera diventi anche un modello virtuoso di un approccio sostenibile non solo economicamente ma anche degli aspetti ambientali.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
CONDIVIDI
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.