riscaldamento globaleServe una politica forte e condivisa a livello internazionale che consenta di abbattere in maniera incisiva i livelli di CO2 nell’aria e di raggiungere l’obiettivo dei 2°C stabilito dall’Accordo di Parigi. È l’avvertimento lanciato in nota stampa da Greenpeace in vista dell’apertura dei lavori della COP23 di Bonn, la conferenza ONU sul clima che si svolgerà dal 6 al 17 novembre.

Serve impegno collettivo per politiche sul clima

“Non c’è più tempo da perdere – ha commentato in nota stampa Jennifer Morgan, Direttore esecutivo di Greenpeace InternationalUragani, alluvioni e siccità non potranno che aumentare se i Governi che si riuniranno a Bonn non decideranno di tenere i combustibili fossili sotto terra”. La Morgan ha evidenziato come “i governi di tutto il mondo non stiano rispettando le promesse fatte a Parigi” e un rapporto realizzato dalle Nazioni Unite conferma come gli impegni assunti attualmente siano sufficienti a raggiungere solo un terzo della riduzione delle emissioni prevista al 2030. Eppure, prosegue prosegue il Direttore esecutivo di Greenpeace International, “possiamo ancora raggiungere l’obiettivo di contenere a 1,5°C il riscaldamento globale se tutti si impegnano“.

Italia ed Europa siano leader

E l’Italia e l’Europa possono giocare un ruolo strategico in questo scenario: “Facciano la prima mossa alzando coerentemente gli obiettivi, inadeguati alla sfida, sia in Europa che nella Strategia Energetica Nazionale“, ha rimarcato in nota Giuseppe Onufrio, Direttore esecutivo di Greenpeace Italia.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.