A Roma i “riciclatori incentivanti”

125

Inaugurato a Roma un nuovo “riciclatore incentivante” nel mercato rionale del quartiere Casal de’ Pazzi. Il sistema raccoglie e riduce il volume dei rifiuti ricevuti, oltre a erogare un ecobonus per ogni pezzo conferito. Tali bonus, poi, potranno essere utilizzati presso le attività commerciali che hanno aderito all’operazione.

Si tratta del secondo sistema installato nella Capitale, dopo quello di Colli Aniene, con lo scopo di mettere il cittadino al centro di un circolo virtuoso per aumentare la raccolta differenziata, risparmiare sulla spesa e abbattere le emissioni di CO2. In meno di due mesi, infatti, il primo sistema realizzato ha visto il conferimento di oltre 7.000 bottigliette di plastica PET (circa duecento chili di materiale). Il nuovo dispositivo di Casal de’ Pazzi, invece, in due giorni ha ricevuto oltre 600 pezzi tra lattine e bottiglie.

Il sistema è stato ideato e prodotto dalla veneta Eurven e installato da Ecolife Italia. Il risparmio per il cittadino, secondo i responsabili del progetto, sarà dal 5% al 30% a seconda delle attività commerciali: “I riciclatori – si spiega in una nota di Eurven – sono sistemi per la raccolta differenziata e la compattazione di materiali facilmente riciclabili che offrono diversi vantaggi: caratterizzano in primis per la loro selettività e per la loro elevata qualità di raccolta differenziata. Sono predisposti per riconoscere la tipologia di rifiuto e differenziarlo anche automaticamente, possono pesare il materiale conferito ed avvisare, via e-mail o per sms, quando il sistema è pieno. Si tratta di sistemi incentivanti in quanto invogliano a conferire i rifiuti: i riciclatori avvicinano i cittadini alle buone pratiche di raccolta differenziata premiandoli con un ecobonus, che può essere utilizzato nelle attività convenzionate. Inoltre, il circolo virtuoso che viene innescato porta ad un grande vantaggio per l’ambiente: il materiale raccolto in modo selettivo viene direttamente inviato alla fase di riciclo, permettendo un consistente abbattimento delle emissioni di CO2 derivanti dalla movimentazione dei rifiuti”.

Print Friendly, PDF & Email