Capraia smart island_filiera ittica sostenibile

Lo scorso 22 aprile si è chiuso il bando Pnrr “Isole verdi” per il quale sono stati presentati 140 progetti di sviluppo sostenibile dai 13 Comuni delle 19 isole minori.

Il valore complessivo degli interventi ammonterà a 200 milioni di euro che saranno finanziati con le risorse dell’Investimento 3.1 (M2C1) del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Lo scopo della misura è di risolvere tutti i problemi dovuti: alla mancanza di collegamenti con la terraferma, all’efficientamento energetico, allo scarso approvvigionamento idrico e al processo di gestione dei rifiuti, con interventi mirati in queste aree. Qui infatti, il margine di miglioramento rimane elevato sia in termini ambientali che energetici e queste piccole isole possono diventare dei laboratori di modelli completamente sostenibili.

I progetti, presentati grazie anche all’assistenza tecnica del Ministero della Transizione ecologica e di Cassa Depositi e Prestiti, assorbono tutte le risorse del Pnrr per il Programma “Isole verdi”.

Produzione di energia da fonti rinnovabili e risorse idriche, quali dissalatori ed efficientamento delle infrastrutture, costituiranno la maggioranza e ad essi andranno il 72% dei finanziamenti. A rinnovabili e risorse idriche seguiranno: mobilità sostenibile, efficientamento energetico e gestione del ciclo dei rifiuti urbani.

I 13 Comuni ad essere interessati dal progetto sono: l’Isola del Giglio, Capraia, Ponza, Ventotene, le Isole Tremiti, Ustica e Pantelleria, i tre comuni dell’Isola di Salina (Leni, Malfa e Santa Marina Salina), Favignana, Lampedusa e Lipari.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.