mascherina chirurgicaUna mascherina chirurgica se gettata irresponsabilmente sul marciapiede o sul bagnasciuga rilascia fino a 173mila microfibre al giorno. Rappresenta una minaccia per l’ambiente, soprattutto marino, per via del meccanismo di degradazione foto-ossidativa delle fibre di polipropilene presenti nei tre strati che la compongono.

L’inquinamento prodotto dall’abbandono della mascherina chirurgica

Il dato emerge dalla ricercaThe release process of microfibers: from surgical face masks into the marine environment, pubblicata sulla rivista Environmental Advances, condotta dai chimici del dipartimento di Scienze dell’ambiente e della terra dell’università Bicocca di Milano: Francesco Saliu, Maurizio Veronelli, Clarissa Raguso, Davide Barana, Paolo Galli e Marina Lasagni. “Speriamo che questo nostro lavoro possa sensibilizzare verso un corretto conferimento delle mascherine a fine utilizzo e promuovere l’implementazione di tecnologie più sostenibili”, hanno commentato in una nota stampa Saliu e Lasagni, rispettivamente ricercatore e docente del dipartimento di Scienze dell’ambiente e della terra di Milano-Bicocca.

Lo studio offre il dato della stabilità oltre il limite di utilizzo della mascherina chirurgica, che non era disponibile in letteratura. È stato ottenuto sottoponendo i dispositivi a esperimenti di invecchiamento artificiale per simulare quanto avviene nell’ambiente per via dell’esposizione ad agenti atmosferici e radiazioni solari. Le misure promosse con le tecniche di microscopia elettronica e microspettroscopia infrarossa hanno rivelato che una singola mascherina sottoposto a luce ultravioletta per 180 ore è in grado di rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno del diametro di poche decine di micron.

In un contesto naturale, il materiale può arrivare al mare ed essere sottoposto a stress meccanici prolungati per effetto del moto ondoso. Si occuperanno di verificare gli effetti sugli organismi marini gli scienziati del centro di ricerca e alta formazione dell’Ateneo alle Maldive, il Marhe center. Preoccupano, ad esempio, gli eventuali danni da ostruzione in seguito ad ingestione e gli effetti tossicologici dovuti alla veicolazione di contaminanti chimici e biologici.

Leggi anche Presentata la campagna del Minambiente per il corretto smaltimento di mascherine e guanti

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.