Le Regioni chiedono di destinare il surplus del gettito all’abbattimento del costo delle bollette

La Conferenza delle Regioni ha redatto un documento contenente delle proposte per aiutare famiglie e imprese a fronteggiare il caro energia.

333
  • Con i prezzi dell’energia alle stelle, il tessuto produttivo italiano è a rischio.
  • L’allarme arriva dalla Conferenza delle Regioni che chiede di adottare misure contro l’aumento delle bollette e di investire nelle rinnovabili.

Conferenza delle Regioni

La Conferenza delle Regioni, organismo di coordinamento fra i presidenti delle giunte regionali e delle province autonome, chiede di destinare il surplus del gettito all’abbattimento del costo delle bollette emesse.

“L’emergenza energetica che sta vivendo il Paese è senza precedenti e sta mettendo in seria difficoltà l’intero tessuto produttivo. Per questo occorre far fronte alle esigenze di aziende e famiglie con un’azione condivisa Governo–Regioni”, hanno dichiarato Mirco Carloni, vicepresidente delle Marche, e Anita Pili, assessora della Sardegna, entrambi rappresentanti della Conferenza.

In dodici mesi il costo dell’energia è aumentato di oltre il 300 per cento mentre, rispetto alla media del periodo 2015-2019 (20 euro/MWh), il prezzo del gas è salito del 1.500 per cento (300 euro/MWh). E non è l’unico problema: i rincari hanno toccato in maniera trasversale non solo le materie prime (minerali, energetiche, vegetali), ma anche i semi-lavorati (dagli alimentari alle fibre tessili, fino alle materie plastiche). E, in alcuni casi, hanno raggiunto rialzi a doppia cifra già da fine 2021.

Leggi anche: Il coinvolgimento del terzo settore nella lotta contro la povertà energetica

Le proposte della Conferenza delle Regioni

Le Regioni hanno approvato un documento che contiene sia proposte da concretizzare in questa fase di emergenza sia interventi di medio-lungo periodo.

Fra i provvedimenti più urgenti, si suggerisce di ampliare la platea dei beneficiari del credito di imposta, estendendolo anche alle imprese non energivore, e potenziare la misura del microcredito liquidità. Grande importanza viene data alle rinnovabili: si propone di favorire iniziative volte ad accelerare gli interventi di connessione/allacciamenti alla rete elettrica nazionale per le FER; e di offrire garanzia pubblica al 100% alle imprese per l’accessione di finanziamenti destinati all’installazione di impianti FER, purché arrivino a coprire almeno il 50% del fabbisogno energetico aziendale.

Fra gli interventi di medio-lungo periodo, invece, le Regioni chiedono di definire misure specifiche per incentivare l’auto-produzione di energia rinnovabile delle imprese; accelerare provvedimenti che possano favorire la rapida installazione di impianti fotovoltaici anche mediante la definizione di criteri per le aree idonee; ampliare la platea dei beneficiari del bonus energia estendendolo anche ai nuclei familiari con ISEE fino a 30mila euro; istituire il reddito energetico nazionale; rafforzare e rendere strutturali le politiche di efficienza energetica nel residenziale e nelle attività produttive.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.