Accordo Anci, Coreve per implementare la raccolta del vetro tra nord e sud Italia

Al via due bandi per ridurre il divario tra Nord e Sud Italia

288

Vetrorifiutidef 300x198CoReVe, il Consorzio per il Recupero del Vetro e ANCI, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, firmano un accordo con l’obiettivo di ridurre il divario tra nord e sud Italia nella raccolta del vetro.

Il corretto riciclo del vetro rappresenta una grande opportunità per lo sviluppo sostenibile del nostro Paese”. Afferma così Gianni Scotti, presidente di Coreve. “Nel 2020, infatti, il comportamento virtuoso di milioni di cittadini ha consentito all’Italia di risparmiare quasi 4 milioni di tonnellate di materie prime vergini. Di scongiurare emissioni di CO2 in atmosfera per 2,2 milioni di tonnellate. E un risparmio di consumi energetici pari a 385 milioni di m3 di metano. Assicurando complessivamente oltre 86 milioni di euro agli enti locali convenzionati”.

Due bandi per ridurre il divario nella raccolta differenziata tra Nord e Sud Italia

Nel complesso l’accordo prevede di stanziare due bandi uno specifico per le regioni del Nord Italia e uno per quelle del Sud. I due bandi prevedono un aiuto a fondo perduto per l’acquisto di attrezzature come: mastelli, carrellati, cassonetti, campane. Oppure per implementare progetti territoriali anche di comunicazione che abbiano come obiettivo l’implementazione della raccolta differenziata di vetro.

Ai due bandi è possibile aderire entro e non oltre il 30 giugno 2023.

Sono stati stanziati 4 milioni di euro per le regioni del Sud: Lazio, Marche, Abruzzo,
Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Campania.

Il secondo bando dedicato al Centro nord prevede un aumento a 2 milioni di euro delle risorse già previste specificatamente a supporto delle regioni: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Province autonome di Trento e Bolzano, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Sardegna.

I contributi erogati sono cumulabili

Il fondo, gestito da Coreve, potrà erogare contributi pari al 70% delle spese o progetti di spesa documentati dai Comuni. Fino ad un importo massimo di 100 mila euro a progetto per acquisto di attrezzature o implementazione di progetti territoriali. Mentre l’importo massimo è di 30 mila euro per progetti di comunicazione a supporto della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio in vetro. Si tratta di due misure  cumulabili.

A supporto del piano di interventi Coreve aggiungerà un altro milione di euro al milione già previsto. Questo importo riguarda l’investimento per la campagna nazionale di comunicazione e sensibilizzazione rivolta ai cittadini.

Il piano, infine, mira ad aumentare la raccolta del vetro di circa 300 mila tonnellate. Un traguardo che secondo l’associazione garantirebbe un risparmio diretto di 11,6 milioni di m3 di gas e indiretto di 20,2 milioni di m3 di gas.

Tali risparmi porterebbero a un beneficio finale di non utilizzo di 31,8 milioni di m3 di gas garantendo un importante contenimento del consumo energetico del Paese.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.