#Staccalabolletta al via la petizione lanciata da Consumerismo

La proposta: limitare i consumi delle utenze e i costi sospendendo la bolletta

735

piggy-2 sospendere piggy bank efficienzaSospendere a tempo determinato le forniture di luce in seconde case e negozi chiusi, sia per causa Covid-19 che per un non uso prolungato per limitare i consumi delle utenze. Una possibilità che non ha costi per il sistema energetico e per la sua gestione, grazie ai contatori smart di cui è dotata a nostra infrastruttura energetica e gas, ma che ad oggi non è possibile fare.

Questa la richiesta della petizione #staccalaboletta per portare all’attenzione degli stakeholders istituzionali questa necessità, basta firmare su change.org.

Le utenze tenute in piedi senza un uso continuativo hanno un impatto importante nelle tasche degli italiani, impatto che pesa ancora di più oggi che con il Covid-19 si è impossibilitati ad accedere a seconde case o rispettive attività commerciali.

A quanto ammontano i consumi delle utenze non sospese

Sulla spesa annua, sia per la fornitura di energia elettrica che del gas, si paga oggi il 19% per la voce “trasporto e gestione del contatore”, secondo i dati di Consumerismo, mentre gli oneri di sistema pesano per il 20%, a cui si aggiungono le imposte, per un totale del 52% sull’intera bolletta. “Queste voci si pagano anche in assenza di consumi” spiega l’associazione nella proposta di petizione “a seguito dell’entrata in vigore di una norma nel 2018 che si chiama riforma delle tariffe elettriche, che premia chi consuma di più”.

Ne abbiamo parlato pochi giorni fa con Luigi Gabriele presidente e fondatore dell’associazione di Consumerismo che dichiarava“Non capisco perché l’utenza debba essere a tutti i costi connessa alla rete, anche senza consumare e pagando gli oneri di connessione, di gestione e di distribuzione. Si potrebbe, con un congruo preavviso, che immagino di sette giorni, chiedere al distributore o all’operatore della rete di sospendere l’utenza per un tempo definito. Si tratta di una prassi in uso per altri servizi, ad esempio l’assicurazione dell’ auto. Un’attività che non scontenta nessuno in quanto per il distributore si tratta di un’azione semplice da attuare, mentre il consumatore ottiene un risparmio oggettivo su spese altrimenti inutili“.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.