Riscaldamenti: da oggi, lunedì 16 ottobre, è possibile accenderli. Anche se le temperature miti e il clima tendenzialmente soleggiato non rendono ancora necessario l’avvio degli impianti termici nella maggior parte d’Italia, è bene prendere le dovute precauzioni in vista dell’arrivo del freddo.

Assotermica, Associazione produttori di apparecchi e componenti per impianti termici, si impegna a diffondere delle preziose linee guida per consigliare i consumatori su un efficiente utilizzo dei riscaldamenti, garantirne il corretto funzionamento e la piena sicurezza, ma soprattutto mantenere bassa la bolletta evitando gli sprechi e limitando gli usi impropri.

Attenzione ai costi e ai consumi

  • Non accendere i riscaldamenti quando la casa è vuota ma stabilire in anticipo delle fasce orarie di funzionamento in base al proprio stile di vita;
  • Non superare i 20°. Questa è la temperatura ideale per riscaldare a sufficienza la propria abitazione senza far lievitare i costi in bolletta. Ogni grado in più aumenta il consumo del 7%;
  • Diminuire la temperatura durante la notte. La dispersione di calore può essere ridotta del 50% solo abbassando le tapparelle e dormire con una temperatura più bassa non è solo più economico ma anche più salutare;
  • Evitare la dispersione di calore durante il giorno. Il ricircolo dell’aria nell’abitazione è importante ma è bene limitarlo a soli 5-10 minuti per volta. Tenere le finestre aperte per più tempo raffredderebbe troppo l’ambiente e rallenterebbe di molto il raggiungimento della temperatura impostata;
  • Prestare molta attenzione alla manutenzione dei caloriferi ed evitiare di coprirli con coperte, mobili o tendaggi. Il calore faticherebbe a irradiarsi nell’ambiente.

L’importanza di una periodica e regolare manutenzione

Se vogliamo un impianto di riscaldamento efficiente, sicuro e perfettamente funzionante nel tempo dobbiamo assicurarci che venga sottoposto a una manutenzione periodica. Solo un tecnico abilitato può certificare e verificare che il vostro impianto lavori correttamente nel rispetto delle regole e della normativa vigente. Finito il controllo è obbligatorio il rilascio di un certificato che attesti l’efficienza energetica di tutto l’impianto e il suo “stato di salute”. Conservare sempre questo certificato insieme al libretto.

Dal sito del Ministero dello Sviluppo economico è possibile scaricare una guida sugli impianti di riscaldamento predisposta da Enea in collaborazione con Assotermica.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.