bagno
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Prosegue l’approfondimento dedicato ai bonus e agli incentivi previsti dalla legge di Bilancio 2020 per questo nuovo anno. In questo articolo ci concentriamo sugli aiuti a sostegno di persone in difficoltà in merito all’utilizzo di acqua, potabile o da usare per l’igiene personale.

Bonus acqua

Il bonus acqua o bonus risparmio idrico è rivolto alle famiglie in condizione di disagio economico e sociale per ridurre la loro spesa destinata al servizio di acquedotto. In altre parole, evita a una persona in difficoltà di pagare 50 litri al giorno d’acqua per un anno, equivalenti a 18,25 metri cubi l’anno. Il quantitativo riflette il minimo necessario a soddisfare i bisogni fondamentali della persona.

Dal 1° gennaio 2021 il bonus acqua doveva essere riconosciuto automaticamente ai cittadini e nuclei familiari che ne hanno diritto, al momento la procedura di automatismo è stata fermata dal Garante della Privacy che ha chiesto di migliorare gli aspetti legati al trattamento dei dati personali dei consumatori. Canale Energia sta seguendo la vicenda per darvi aggiornamenti. Le modalità applicative per l’erogazione automatica sono, dunque, in corso di definizione.

Le cose certe sono che per ottenerlo bisognerà appartenere a un nucleo familiare con Isee inferiore 8.265 euro o a un nucleo familiare con almeno quattro figli a carico e indicatore Isee inferiore a 20mila euro. Ultima alternativa: l’appartenenza a un nucleo familiare titolare di reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza. Uno dei componenti deve essere intestatario di un contratto di fornitura idrica attivo con tariffa per usi domestici.

Il bonus acqua è un bonus sociale al pari del bonus elettrico e il bonus gas (leggi l’articolo dedicato). A differenza del bonus elettricità e gas, però, il valore del bonus idrico sarà diverso tra gli utenti poiché la tariffe idriche sono diverse sul territorio nazionale. Dunque, lo sconto in bolletta cambierà a seconda del luogo in cui avviene la fornitura. Ci si può rivolgere allo Sportello per il consumatore dell’Arera per avere supporto in tal senso. Infine, è da evidenziare che ciascun nucleo familiare avrà diritto a un solo bonus per tipologia per anno di competenza. 

Bonus risparmio idrico

Fino al 31 dicembre 2021 il governo ha stanziato un bonus di 1.000 euro destinato ai residenti in Italia che sostituiscono, su edifici esistenti, parti di edifici o singole unità immobiliari. Si tratta, nel dettaglio, di sanitari in ceramica con apparecchi a scarico ridotto e rubinetteria, soffioni e colonne doccia con nuovi apparecchi a flusso d’acqua limitato.

L’agevolazione è limitata al rispetto di alcuni criteri, riportati sulla pagina del sito dell’Agenzia delle entrate. Per i vasi sanitari in ceramica, ad esempio, questi devono avere volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico. Il bonus non costituisce reddito imponibile e non modifica la situazione economica equivalente (Isee).

Credito di imposta per sistemi di trattamento acqua

Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022 è previsto un credito di imposta a chi installerà distributori e sistemi di filtraggio dell’acqua. Per ciascun anno il limite totale è di 5 milioni di euro. Il governo punta così a razionalizzare l’uso dell’acqua e a ridurre il consumo di imballaggi in plastica per l’acqua potabile.

Il credito ammonta al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E 290.

Possono farne richiesta le persone fisiche, fino 1.000 euro per unità immobiliare, gli intestatari di un’attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali, inclusi quelli del terzo settore e religiosi civilmente riconosciuti. Il tetto massimo per singolo immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale è, in ogni caso, di 5mila euro.

Leggi anche Bonus e incentivi per auto e moto nel 2021

Bonus 2021: vuoto a rendere, banda ultralarga, TV e vacanze

Elettricità, gas acqua e spazzatura: ecco come funziona lo sconto in bolletta

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.