Lo sprint per il bilancio

Le audizioni sul Ddl e le linee programmatiche del Mase

Occhi puntati fino alla fine del mese sull’andamento del Ddl Bilancio. Intanto, al Senato si accende un faro su settori strategici e approvvigionamenti energetici, mentre alla Camera passa il Ddl Ministeri.

Senato della Repubblica

Presentato questa settimana a Palazzo Madama il Ddl di conversione in legge del DL 5 dicembre 2022, n. 187, recante “misure urgenti a tutela dell’interesse nazionale nei settori produttivi strategici”. Il testo, assegnato alla IX commissione, prevede anche interventi per la garanzia degli approvvigionamenti energetici.

Oggi, inoltre, si è svolto in VIII commissione il seguito delle comunicazioni del Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, sulle linee programmatiche. Il Ministro ha ricordato il “principio della neutralità tecnologica” sottolineando, in campo trasporti, l’impossibilità di “contare solo sullo sviluppo dell’elettrico, ma anche su idrogeno e sostituzione di vecchi combustibili con biocarburanti”.

Camera dei deputati

Martedì l’aula della Camera ha approvato il Ddl n. 457-A di conversione in legge del DL recante il riordino delle attribuzioni ai Ministeri. L’atto passa ora al vaglio del Senato.

La V commissione, intanto, è andata avanti con l’esame del Ddl Bilancio ascoltando lunedì in audizione (con la V del Senato) i rappresentanti di Istat, Ufficio parlamentare di Bilancio e Banca d’Italia (le memorie).

“Secondo le stime di novembre della Commissione europea – segnala Banca Italia – nel 2022, al netto dei prelievi straordinari sulle imprese del settore energetico, le misure espansive in materia di energia rappresentano l’1,3 per cento del Pil nell’area dell’euro (2,6 in Italia); il prossimo anno potrebbero arrivare a quasi il 2 per cento, qualora gli interventi già annunciati dai Paesi membri per i primi mesi del 2023 fossero prorogati fino alla fine dell’anno”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore della rivista CH4 edita da Gruppo Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.