Biciclette, boom di ricerche online per i pezzi di ricambio

Mentre cala l’acquisto di bici nuove online, cresce la richiesta di accessori per riparare quelle vecchie. L’indagine di idealo.

biciclette idealo
Riparare gli oggetti anziché buttarli è importante dal punto di vista ambientale.

La bicicletta è diventata il mezzo di trasporto preferito di molti italiani. Nel 2022 si è assistito a un boom dell’elettrico: fra i dieci prodotti più cercati nella categoria “bici e accessori” sul portale italiano di idealo, sette corrispondevano a vari modelli di e-bike. Nel 2023 le ricerche sono diminuite, così come gli acquisti di nuove biciclette, ma ciò non significa che la mobilità ciclistica abbia subito una battuta d’arresto.

Al contrario, gli utenti si sono indirizzati verso la riparazione dell’usato: secondo l’indagine pubblicata l’8 maggio da idealo, nell’ultimo anno solamente l’11 per cento di quanti hanno svolto delle ricerche online in questo settore cercava in realtà una bici nuova, a fronte del 37 per cento che cercava ricambi o accessori per la propria.

Quali sono i prodotti più richiesti

Fra i venti prodotti che hanno fatto registrare la maggiore crescita di interesse negli ultimi dodici mesi, troviamo solamente due biciclette (da corsa e mountain bike), a fronte di dodici accessori deputati alla riparazione delle stesse: forcelle, gruppi completi e batterie hanno fatto registrare un incremento di oltre il 200 per cento rispetto all’anno precedente. Seguono reggisella (+83%), attrezzi per la riparazione (+59%), carrelli per bici (+51%), ciclo computer (+50%), lucchetti (+50%), pedali (+36%) e copertoni (+35%).

biciclette idealo
Cresce anche il turismo sulle due ruote.

Le ragioni del cambiamento

“Le ragioni relative al boom del settore riparazione bici e alla leggera frenata nell’acquisto di nuovi modelli sono molteplici, ma molto ha a che fare con il processo di sensibilizzazione e cultura fatto in merito al mercato delle bici”, spiega Antonio Pilello, responsabile della comunicazione di idealo in Italia.

“Basti pensare alla diffusione delle attività delle ciclofficine in tutta Italia deputata non solo alla riparazione delle biciclette, ma anche allo scambio di esperienze, informazioni e nozioni riguardanti la loro manutenzione e riparazione. Così come al ruolo della comparazione prezzi, che crea una cultura del risparmio tra gli utenti offrendo loro una panoramica di informazioni completa che li aiuta a destreggiarsi tra le tante offerte disponibili, difendendoli dall’inflazione”.

Leggi anche: Perché investire nella mobilità ciclistica significa promuovere la sicurezza stradale

A fronte di un aumento dei prezzi, infatti, chi ha fatto ricorso ai servizi di comparazione ha potuto risparmiare fino al 46 per cento sull’acquisto di una bici nuova, e fino al 17 per cento nel comparto ricambi.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.