In Italia ogni anno una persona spreca 37 kg di cibo, per un totale di 84 kg a famiglia. I dati sono stati diffusi dal ministero dell’Ambiente e dall’Università di Bologna nell’ambito del progetto Reduce. Vanno al rialzo le stime dell’Osservatorio sugli Sprechi Alimentari Waste Watcher che monitora le abitudini degli italiani in tema di contenimento degli sprechi di cibo: annualmente la famiglia-tipo italiana getta 145 kg di cibo pari a 360 euro. L’Osservatorio rileva che il 75% dello spreco alimentare avviene in primo luogo nelle nostre abitazioni, poi nei ristoranti, nelle mense aziendali e domestiche. Il pane è tra i cibi che si gettano di più seguito da carnepollame pesce freschi, formaggi, verdure, salumi e insaccati.

A livello mondiale la Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition ha stimato che lo spreco annuale ammonta a 1,3 miliardi di cibo ed è destinato a raggiungere i 2 miliardi di tonnellate nel 2030.

Too Good To Go

Per contribuire a contrastare il fenomeno arriva a Bologna Too Good To Go l’applicazione per smartphone che aiuta a contrastare lo spreco alimentare. Il progetto nasce in Danimarca nel 2015 e consente a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati e hotel di vendere online a prezzi ribassati (dai 2 ai 6 euro) le Magic Box, scatole contenenti il cibo invenduto a fine giornata “troppo buono per essere buttato”. Gli utenti possono acquistare la Magic Box tramite app e ritirarla nella fascia oraria specificata per scoprire cosa contiene.

Ogni Magic Box acquistata, si legge nella nota stampa diffusa dall’azienda, permette di evitare l’emissione di 2.5 kg di CO2 (Fonte: United states environmental protection agency-Epa). C’è anche chi può scegliere di portare da casa contenitori e sacchetti per limitare l’uso di imballaggi.

L’applicazione conta oggi dieci milioni di iscritti in dieci paesi europei. In Italia è utilizzata a Milano e Torino e ha già conquistato 70 mila utenti. A Bologna aderiranno, tra gli altri, Forno Brisa, Pappare’, Sartoria Gastronomica, Pasticceria d’Azeglio e la sede in centro del Bar Principe.

La campagna pubblicitaria #piùvalorealcibo

Per contrastare lo spreco di cibo non basta adottare comportamenti responsabili come scrivere una lista della spesa dopo aver controllato cosa manca nella dispensa, tenere sotto controllo le date di scadenza riportate sulle confezioni presenti in dispensa e provare ad assaggiare i prodotti per vedere se si possono ancora mangiare. Per Nital S.p.A è fondamentale garantire ai cibi una conservazione adeguata in grado di preservare freschezza e sapore. Per questo lancia la campagna pubblicitaria 2019 #piùvalorealcibo che ha come protagoniste le macchine per il sottovuoto FoodSaver.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.